«Le speculazioni alimentano il caro energia?»
Confartigianato interroga
le autorità di controllo

RINCARI - L’associazione sta predisponendo una segnalazione all’Arera (L'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente) con l’accorata richiesta di maggiori attenzioni verso i picchi registrati
- caricamento letture

 

menichelli-mengoni

GIorgio Menichelli ed Enzo Mengoni

«Bisogna immediatamente stimolare un controllo deciso, per scongiurare la possibilità di speculazioni in questa straordinaria impennata dei costi energetici». Confartigianato Imprese Macerata-Ascoli-Fermo ha immediatamente avviato un’azione decisa con l’intento di andare concretamente ad approfondire le cause di un caro bolletta ormai insostenibile per le aziende, e che sta impaurendo tutti i settori produttivi.

Per questo motivo l’associazione sta predisponendo una segnalazione all’Arera (L’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente) con l’accorata richiesta di maggiori attenzioni verso questi spaventosi picchi. Così come fatto recentemente in seguito all’esponenziale aumento dei costi del carburante, quando Confartigianato Mc-Ap-Fm aveva sollecitato l’intervento delle competenti Autorità giurisdizionali.

«La domanda che tutti ci facciamo è: cosa sta succedendo? – ragionano il presidente territoriale Enzo Mengoni e il segretario generale Giorgio Menichelli –  Quel che è certo è che i consumatori si sono ritrovati con prezzi improvvisamente schizzati in alto, con rialzi senza precedenti. E la crescita si aggraverà notevolmente dopo l’estate. Prevediamo salassi nelle bollette di luglio e agosto e le aziende saranno costrette ad adeguarsi o a chiudere, perché impossibilitate ad andare avanti. Il disagio c’è ed è difficile pensare che le cause siano solo da attribuire alla guerra in Ucraina e alla riduzione delle forniture russe. Insomma – sostengono Mengoni e Menichelli – qualcosa non quadra. È chiaro che laddove diminuisce la quantità di materia prima, il prezzo sale se c’è almeno parità di domanda. Ma è altrettanto chiaro che è verosimile ipotizzare che da qualche parte ci siano manovre speculative. Quello che noi chiederemo alle autorità competenti (e lo faremo presto) è di vigilare su tutti i passaggi che avvengono in Italia, dagli importatori alle catene di distribuzione, fino all’arrivo dell’energia nelle aziende. Il mercato è mondiale, ma l’autorità ha margini per indagare a livello nazionale e qui può trovare chiavi per intervenire».

Confartigianato, a livello generale, sostiene «l’azzeramento degli oneri generali di sistema per luce e gas, la proroga del credito d’imposta sui costi di elettricità e gas per le imprese non energivore e non gasivore. Inoltre, per l’associazione va fissato un tetto europeo al prezzo del gas e va recuperato il gettito calcolato sugli extraprofitti, per non aggravare la situazione del bilancio pubblico, e serve un gesto di responsabilità e solidarietà delle imprese energetiche a salvaguardia dell’intero sistema produttivo nazionale. Vanno anche sostenuti gli investimenti in energie rinnovabili e nella diversificazione delle fonti di approvvigionamento, in particolare per creare Comunità Energetiche e per incrementare l’autoproduzione. Utile, quindi, avviare l’attesa riforma della tassazione dell’energia».

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X