Gaffe della maggioranza, Parcaroli:
«Penso alla città, non ai tatticismi»

MACERATA - Il sindaco: «Lavoro tutto il giorno sui fondi europei per trovare i finanziamenti. In cantiere progetti bellissimi dall'ex ospedale pschiatrico al parcheggio di Rampa Zara. Ci hanno lasciato con alcuni contenziosi legali da risolvere che potrebbero costare cari alle casse comunali»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Giunta_SandroParcaroli_FF-8-650x433

Il sindaco Sandro Parcaroli oggi in Comune

 

di Luca Patrassi

«Sono Sandro, il sindaco: la mia porta in Comune è aperta a tutti, dalle otto alle 20. Ci sono per tutti, pronto ad ascoltare ed anche a dare corso alle idee, ai progetti di tutti. Chiedo collaborazione e condivisione, il nostro obiettivo è il bene della città, non fare polemiche sterili per addetti ai lavori. In Consiglio comunale ieri sera ho presentato le linee guida di questa amministrazione, non è il vangelo.. si possono discutere, approfondire, integrare, variare. Il senso della politica è quello di mettersi in gioco, ascoltando le ragioni di tutti ed anche quelle dell’opposizione, purché valide e costruttive. Dobbiamo lavorare insieme, per il bene di tutti, per la crescita del territorio. Non ho mai attaccato chi c’era prima per le cose fatte all’epoca, non mi interessa, voglio guardare al futuro e voglio farlo con i maceratesi. Non faccio altro, non vado dietro alle dispute sui formalismi spiccioli…».

Giunta_SandroParcaroli_FF-6-325x217Insomma, il giorno dopo la grande gaffe, la maggioranza che segue l’invito del capogruppo della Lega, “esce” (la seduta era da remoto) e fa mancare il numero legale, fatto inedito negli ultimi decenni e forse riflesso condizionato di alcuni decenni di opposizione, il sindaco Sandro guarda avanti e invita l’opposizione a superare la logica dell’ostruzionismo e ribadisce alcune priorità del suo programma elettorale che in questi giorni ha ribadito in Consiglio comunale. «Sto lavorando tutto il giorno per preparare progetti da presentare come promotori per i fondi europei, per reperire i finanziamenti che ci servono per realizzare la Macerata del futuro che ho annunciato in campagna elettorale, per seguire momento per momento l’emergenza Covid. Sono tante le cose da fare e le sto seguendo con la mia squadra, fatta anche dagli assessori, dai dirigenti, dai dipendenti del Comune e dai tanti cittadini che vogliono collaborare. Collaborare a un progetto di rilancio di Macerata che parta dal senso di comunità, di adesione. Stiamo lavorando a pieno regime su tanti progetti bellissimi, dall’ex Ospedale psichiatrico a Santa Croce al parcheggio di Rampa Zara con attracco meccanizzato fino in piazza passando per il rilancio dell’area archeologica di Helvia Recina e dell’area fluviale del Potenza».

Facile a dirsi, difficile quanto al reperimento dei fondi: «Certo, ci vorranno tanti soldi che ad oggi non ci sono, anzi ci hanno lasciato con alcuni contenziosi legali da risolvere che potrebbero costare cari alle casse comunali. Stiamo lavorando anche per definire questi aspetti, ma penso che tra cinque o dieci anni che ci vogliamo realizzare il nostro obiettivo che è quello di vedere Macerata frequentata da giovani di tutti il mondo che vengono per studiare, per lavorare e per formarsi. Una città viva che offra occasioni di lavoro». Dice infine Parcaroli: «Oggi ho visitato gli orti che sono seguiti da 180 anziani, sono un gruppo unito, che ha senso delle radici e dell’appartenenza al territorio. Dobbiamo trasmettere questi valori a tutti, lavoriamo per questo, siamo una comunità».

AndreaPerticarari_FF-28-325x217

Andrea Perticarari, consigliere del Pd

A rimettere le lancette indietro a ieri, è il consigliere comunale dem Andrea Perticarari: «oltre a sottolineare – scrive Perticarari – come 25 secondi prima un consigliere che richiede il numero legale risulti poi assente è altrettanto curioso vedere come i consiglieri di maggioranza- tranne uno (Aldo Alessandrini, ndr) – e la Giunta tutta non fossero in realtà assenti (almeno informalmente) essendo tutti collegati ma con sola telecamera e microfono spenta (quindi anche la storia di problemi tecnici di collegamento lascia il tempo che trova). Purtroppo invece si sente chiaramente al minuto 3:25:00 della registrazione della seduta un pesante insulto non si sa bene a chi rivolto. Ma non finisce qui. Dal minuto 3:53:00 circa ed anche negli interventi successivi – con interventi evidentemente imbarazzati – i consiglieri di maggioranza parlano di errore dovuto all’inesperienza. Ecco, dico solo che molti di questi consiglieri sedevano sui banchi consiliari anche 10-15-20 anni fa, ma anche se si facesse un atto di fede nel credere a questa toppa messa lì al momento, comunque non si giustificherebbe la contestuale assenza, oltre che dei consiglieri di maggioranza, anche di tutta la Giunta…visto che questi ultimi non dovevamo – come poi è stato – fare alcun intervento. Ciò detto, se la maggioranza aveva necessità di rinviare la seduta vista l’ora, bastava chiederlo e votarlo, anzi votarselo…e si sarebbe evitata questa barzelletta. La politica maceratese se deve cambiare, deve cambiare in maniera seria».

La maggioranza abbandona l’aula Sindaco e opposizione restano allibiti L’autogol della Lega è un giallo

 

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X