La mamma di Pamela:
«Le scuse di Oseghale? Se le tenga»

OMICIDIO MASTROPIETRO - Alessandra Verni a margine delle dichiarazioni spontanee rese da Innocent Oseghale nel corso del processo d'appello ad Ancona, in cui ha detto di non aver ucciso la 18enne romana: «Non credo al racconto che ha fatto» - VIDEO
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

«Ho sperato fino all’ultimo che dicesse come sono andate le cose. Le scuse? Non le accettiamo». Così Alessandra Verni, mamma della 18enne romana Pamela Mastropietro, dopo le dichiarazioni spontanee con cui Innocent Oseghale ha chiesto perdono alla famiglia della ragazza in merito alla sola accusa di vilipendio, distruzione e occultamento di cadavere. Il 32enne nigeriano ha infatti continuato a ripetere di non aver abusato sessualmente di Pamela e di non averla uccisa.

Processo_appello_Oseghale-mamma_Pamela-2-650x429

Alessandra Verni oggi durante il processo d’appello ad Ancona

 

«Non credo al racconto che ha fatto, ci deve ancora spiegare come mai è andato a cercare l’acido insieme a Desmond (Lucky, la cui posizione è stata archiviata in fase di indagine, ndr) e, dopo non averlo trovato, aver comprato litri e litri di candeggina. Ci deve ancora spiegare la presa che è stata trovata sul braccio di mia figlia. Ci deve ancora spiegare tante cose, non l’ha fatto oggi. Le sue scuse? Se le può tenere, non le accettiamo. Non è credibile per niente». E ancora: «Oggi si è limitato a dire che l’ha depezzata, ma non ha detto che l’ha scuoiata, che le ha tolto tutti gli organi, che mancano dei pezzi di pelle. Questo non l’ha detto». Attorno alle 14,30, dopo la replica delle parti, i giudice della Corte d’Assise d’Appello di Ancona si sono ritirati in camera di consiglio. Alle 19 diranno se sono arrivati a un verdetto oppure se hanno bisogno di altro tempo. La procura generale ha chiesto la conferma della sentenza di primo grado, dunque l’ergastolo con l’isolamento diurno in carcere per 18 mesi. La difesa, come al tribunale di Macerata, ha continuato a sostenere l’infondatezza della violenza sessuale («non ci sono riscontri oggettivi degli abusi») e dell’omicidio, palesando dubbi sulle cause della morte, per i consulenti della procura avvenuta a seguito di due coltellate avvenute all’altezza del fegato. La difesa (avvocati Simone Matraxia e Umberto Gramenzi) ha parlato di omissioni negli accertamenti «eseguiti con troppa fretta» e sostenuto la nullità di quelli avvenuti in ambito tossicologico: «Non c’è stata possibilità di contradditorio».

(fe. ser.)

(foto di Giusy Marinelli)

«Dai Giardini Diaz a via Spalato, ecco cosa accadde quel giorno Ma non ho ucciso Pamela»

Processo_appello_Oseghale-DSC_0586-1-650x433

Processo_appello_Oseghale-DSC_0397-1-650x433

Innocent Oseghale

 

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X