Cherubini, tour turistico:
«Chi conosce Macerata la ama,
chi la ama la promuove»

COMUNALI - Il candidato sindaco dei 5 Stelle e di due civiche ha organizzato questa mattina una visita guidata in diverse zone della città
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

IMG_20200912_110226-1

 

Roberto Cherubini, candidato sindaco dei 5 Stelle e due civiche, dopo l’incontro di ieri sera con il ministro degli esteri Luigi Di Maio in piazza Mazzini (leggi l’articolo), ha organizzato questa mattina un tour turistico: «Tante persone per la passeggiata di conoscenza della città, da doverle dividere in due gruppi, capeggiati dalle guide turistiche delle Marche Daniela Perroni e Emanuela Petrelli – si legge nella nota di Cherubini – Ho sempre partecipato alle visite della città ed ogni volta torno a casa meravigliato dalle cose nuove scoperte. Chi conosce la città la ama, chi la ama la promuove. Sarebbe da istituzionalizzare una visita settimanale per i cittadini che vogliano innamorarsi di questa città ricca di storia e di curiosità, ma purtroppo è complicato farlo in presenza di un servizio turistico affidato ad un Sistema Museo che presenta gravi lacune di conoscenza del territorio. Anche in questo settore si esternalizza abbandonando l’attenzione per la qualità che nella fattispecie significa guadagnare o, nel caso specifico, perdere turisti. Il nostro giro, concluso nelle fonti, ha visto tante persone entusiaste e vogliose di fare altri percorsi con queste guide turistiche straordinarie».

Il  percorso: «Piazza della libertà, vicolo Ferrari, vicolo del Casarino (quartiere ebraico), tratto di viale Leopardi per raggiungere Fonte maggiore, Fonte Ciambrione e Fonte Agliana,vicolo Ferrari con casa natale di Padre Matteo Ricci».

Gli obiettivi: «Ricostruzione storica della piazza come luogo della comunità con i palazzi che hanno rappresentato le istituzioni cittadine nel corso dei secoli; suggestivi scorci del centro storico attraverso vicoli che conservano dettagli di architetture medievali; panoramica sul territorio circostante con le fonti che sono state x lungo tempo luoghi identitari di quel costante rapporto e dialogo tra città e campagna e che ancora oggi evocano un vissuto fatto di duro lavoro, di incontro, di socialità e di prosecuzione di tradizioni che sono elemento importante e imprescindibile di una comunità».

IMG_20200912_100828

IMG_20200912_103633_1-1

 

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X