Ospedale, ascensore riparato
grazie ai pazienti

MACERATA - Bene gli ambulatori di oculistica al sesto piano ma rimane alta l'attenzione sulla minaccia del trasferimento di microchirurgia a San Severino. Poche telefonate alla ditta di manutenzione per ripristinare l'impianto fermo da mesi
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Donatella Donati

Donatella Donati

di Donatella Donati

Il diritto alla salute e alla cura è primario in tutti i paesi civili. Lo star bene significa anche fare bene e contribuire ognuno con le proprie capacità alla vita del paese. Prima ancora del diritto all’istruzione la salvaguardia della prevenzione e della cura delle malattie è basilare per dare al cittadino sicurezza e progettualità. Per questo abbiamo tanto insistito su certe scelte indispensabili nella sanità maceratese a rispondere al bene dei cittadini e non agli interessi politici. Per questo abbiamo fatto della battaglia per far rimanere oculistica a Macerata un momento di vivace dibattito nella nostra provincia abituata spesso a subire scelte irragionevoli. Siamo contenti oggi per la sistemazione degli ambulatori di oculistica al sesto piano che era stato tutto destinato a questa branca importantissima della medicina e della chirurgia. Siamo contenti oggi che gli ambulatori siano ormai sistemati dopo pressioni ed interventi vari nel piano a loro destinato. Ma non ci basta, una parte di quella sede non è ancora agibile e si suppongono attese strategiche per una decisione definitiva da rimandare al dopo elezioni.

sesto piano ospedale 3

L’ala del sesto piano che dovrebbe ospitare microrchirurgia, oggi ancora chiusa

Il trasferimento a San Severino della chirurgia oculistica ci sembra pendere ancora sul capo dell’ospedale di Macerata per decapitarlo di quell’importante servizio. D’altra parte la lentezza delle istituzioni nel risolvere i problemi è la vera malattia che blocca attività e realizzazioni  di ogni tipo. Pensiamo alla coppia di ascensori che, sempre all’ospedale di Macerata, portano all’ultimo piano. Per mesi e mesi quello di sinistra è stato inservibile perché sottoposto, come indicato da un cartello, a perenne manutenzione. Tutto questo mentre si affollavano davanti l’ascensore di destra, unico funzionante, persone e persone, alcune delle quali in carrozzella incattivite da attese lunghissime. Abbiamo deciso alla fine di telefonare alla Otis, al numero indicato all’interno degli ascensori per segnalare problemi relativi alla manutenzione, per conoscere i motivi di questo assurdo ritardo. La Otis è leader a livello mondiale con più di 60mila dipendenti e perciò di grande esperienza tecnologica.

Ascensori non funzionanti Ospedale Macerata (4)

Ascensori non funzionanti Ospedale Macerata

Poche telefonate, il 7 aprile tra Macerata, Ancona e Milano al numero segnalato nelle cabine, ci hanno consentito di metterci in comunicazione con il responsabile regionale, signor Calducci, il quale con grande cortesia e tempestività ci ha comunicato che si sarebbe interessato di questo caso che non conosceva dopo di che ce ne avrebbe informato. Così ha fatto. Dichiarando che non si   trattava di uno screzio con l’Area vasta per mancati pagamenti ma solo della difficile reperibilità di un “pezzo” meccanico, il pomeriggio del 9 aprile, con un’altra telefonata, ci ha avvertito che il problema era stato brillantemente risolto e che l’ascensore di sinistra finalmente sarebbe ritornato a funzionare, e così è.

Ascensori non funzionanti Ospedale Macerata (3)

Il cartello affisso fuori dagli ascensori per avvisare l’utenza

Ringraziamo noi cittadini il Signor Calducci. Ma le telefonate fatte da noi non le poteva fare, penso con uguale successo, il responsabile dell’Area vasta, addetto al funzionamento degli ascensori ? Erano mesi che i pazienti insofferenti e i loro parenti lamentavano il disservizio. Ci conforta però la soluzione che mostra come   l’intervento e la partecipazione dei cittadini e della stampa, al di là delle semplici lamentazioni, possano contribuire a far funzionare meglio non solo gli ascensori ma anche i servizi della città in cui si vive, intervenendo attivamente nella soluzione dei vari problemi.

 

 

 

 

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X