Sul menù “+2 euro energia”
Da Hops la bolletta la paga il cliente
«Una scelta di trasparenza»

CIVITANOVA - Il supplemento introdotto dal titolare del ristorante, Simone Sgariglia, dopo una bolletta triplicata, arrivata a 24mila euro in un mese: «Potevo mettere un euro in più di coperto e aumentare un euro il prezzo dei piatti e nessuno avrebbe detto nulla e neanche si sarebbe accorto, ma non l'ho fatto. Toglieremo il bollino appena diminuirà il costo dell'energia»
- caricamento letture
hops-2-euro-energia-e1664813698865-650x488

Il menu di Hops

di Laura Boccanera

Bolletta da più 16mila euro a causa del caro energia e il ristoratore chiede un supplemento di 2 euro alla clientela per ripagare l’incremento dei costi. Simone Sgariglia del ristorante Hops di Civitanova si è “inventato” un timbro rosso da apporre sui menù con su scritto “+ 2 euro energia” per ammortizzare le spese del locale che nella bolletta di luglio sono triplicate. 

hops-civitanova

Il ristorante Hops, tra viale Vittorio Veneto e il lungomare sud

Se nel luglio 2021 per la sola bolletta dell’energia i costi per il locale erano di 8mila euro, il raffronto con lo stesso periodo del 2022 porta la cifra alla soglia dei 24mila euro di spesa conto energia. E così per evitare di chiudere il locale e rientrare con le spese il cliente paga un supplemento. La novità è in vigore da questo fine settimana e la notizia ha iniziato a girare fra quanti hanno frequentato il locale in queste ultime serate, non sempre con commenti positivi.

hops-2-euro-energia-e1664813718869-325x243

Il menu di Hops con il bollino rosso che indica +2 euro per il caro energia

Ma il titolare difende la sua scelta: «Potevo mettere un euro in più di coperto e aumentare 1 euro il prezzo dei piatti e nessuno avrebbe detto nulla e neanche si sarebbe accorto, ma non l’ho fatto – commenta Simone Sgariglia a Cm – . La mia è stata una scelta di trasparenza, anche perché ho pensato proprio all’idea del timbro sulle tovagliette perché se il costo dell’energia diminuirà toglierò il supplemento. Anzi, credo che sia un modo per difendere il consumatore e non applicare aumenti che poi, anche qualora il prezzo dell’energia diminuisse, diventerebbero invece strutturali se messi nel menù sotto forma di aumento del prezzo del piatto o del coperto. Da gennaio la bolletta della sola energia, senza tenere conto di quella del gas, è aumentata esponenzialmente fino a luglio dove è diventata insostenibile. Ma se, come pare, la bolletta diminuirà, il bollino lo togliamo e tutto torna come prima».

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X