Centrodestra per Corridonia:
«Assenza alla Bit scelta miope»
E Scipioni inaugura la sede

ELEZIONI - Il candidato sindaco di Corridonia Rinasce e Noi Cittadini ribadisce le sue priorità. I partiti Lega, FdI, Forza Italia e Udc, uniti sotto un'unica lista a sostegno di Giuliana Giampaoli condannano la scelta dell'amministrazione di non partecipare alla Borsa Internazionale del Turismo. «La promozione del territorio deve tornare ad essere un tema centrale».
- caricamento letture
sandro-scipioni-sede

Sandro Scipioni all’inaugurazione della sede

 

di Giulia Sancricca

C’è fermento a Corridonia in vista delle prossime elezioni amministrative: il candidato sindaco Sandro Scipioni ha inaugurato la sede elettorale di via Sant’Anna, e i partiti di centrodestra, uniti in una lista a sostegno di Giuliana Giampaoli, si concentrano su cultura e turismo condannando la scelta dell’amministrazione di non partecipare alla Bit di Milano.

«La nostra sede sarà aperta tutti i giorni dalle 18 alle 20 – annuncia Sandro Scipioni – : io e altri candidati saremo presenti per ascoltare le idee, le proposte e le necessità dei cittadini. Il confronto è molto importante, tanto che la prossima settimana continueremo con ulteriori incontri: il 22 aprile a Passo del Bidollo, nei locali della parrocchia, e il 29 al centro sociale di San Claudio, sempre alle 21.15. Poi continueremo con le associazioni di categoria in centro storico».

Soddisfatto il candidato sindaco dell’affluenza al taglio del nastro per la sede. «Mi ha fatto molto piacere» confida, poi l’annuncio che i candidati delle due liste Corridonia Rinasce e Noi Cittadini saranno presentate il giorno della festa dei lavoratori, nella manifestazione prevista nella zona industriale.

L’inaugurazione della sede è stata anche l’occasione per ribadire i punti salienti del suo programma. «Abbiamo una visione globale della città – dice Scipioni – . Dallo spostamento dell’Ipsia verso la zona industriale, ad un percorso turistico che possa partire da San Claudio. Poi l’attenzione a Villa Fermani che è giusto resti aperta tutto l’anno con una gestione pubblico-privato. Ci caratterizzerà l’impegno sociale – annuncia – al fianco di persone che hanno difficoltà. Punteremo alla creazione di centri dove incontrarsi e alla implementazione dell’ippodromo per gli sport equestri, in accordo con il Coni».

DSC0043-325x205

I partiti di centrodestra all’inaugurazione della sede sabato scorso

Guarda al turismo, invece, il gruppo Centrodestra per Corridonia che critica i modi di fare del sindaco Paolo Cartechini e della sua giunta sul fronte promozionale partendo dal condannare l’assenza alla Borsa Internazionale del Turismo che si è svolta a Milano lo scorso fine settimana. I partiti a sostegno della candidata Giuliana Giampaoli colgono così l’occasione per criticare le scelte che ruotano attorno al settore turistico, proponendo una loro alternativa all’amministrazione uscente.
«Quello di Milano – scrivono in una nota i rappresentati di Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia e Udc – è stato un evento che ha visto la partecipazione di molte realtà, di tutte le Regioni e di molti Comuni italiani. Un’area espositiva ampia che approfondiva quattro macro aree: food travel, travel lab, hot topics e travel tech. La provincia di Macerata – sottolinea il centrodestra – è stata fra le assolute protagoniste, con la partecipazioni di molti Comuni e la valorizzazione della cultura, dell’ambiente, del paesaggio, affiancati al rilancio delle aree terremotate. Si è mostrata un vero traino per tutto il turismo marchigiano.
Purtroppo, anche in questa occasione, Corridonia non era presente. Una assenza rilevante all’interno di scenari che contano e che possono dare quella briosità oggi mancante al nostro paese. La partecipazione alla manifestazione fieristica sarebbe stata occasione di rilancio culturale, sociale, turistico ed economico per la città. Emblematica anche la miopia dell’amministrazione che non fa parte di associazioni che promuovono il territorio come “Noi Marche”».
Il Centrodestra per Corridonia propone, quindi, un modo diverso di approcciarsi al turismo e all’accoglienza dei visitatori. «Vogliamo un paese che punti al turismo e alla cultura – proseguono – . Debbono essere considerati settori trainanti per tutta l’economia cittadina e motore di rilancio riconosciuto anche dalla nostra Regione e dal nostro capoluogo di Provincia. Oggi la Marca Maceratese, di cui anche Corridonia è fondatrice ,sta avviando molti progetti per rendere i nostri territori più attrattivi. Noi, con i nostri gioielli come l’Abbazia di San Claudio, la piazza metafisica Filippo Corridoni, le splendide opere custodite nella pinacoteca Comunale e Parrocchiale e tante alte bellezze presenti sul territorio, non possiamo non cavalcare questa onda. In questi anni è stato fatto pochissimo – evidenziano – , e l’amministrazione uscente è stata totalmente assente su questi temi».
Al termine di due anni in cui i due settori, uniti a doppio filo, hanno accusato il colpo della pandemia, il centrodestra punta alla ripartenza. «Sarà molto importante creare una forte collaborazione con le associazioni locali – annunciano – , con la Regione e la Provincia, per intercettare fondi e avviare una progettualità condivisa che ci permetta di far tornare Corridonia al centro del turismo e della cultura marchigiana. Uno degli slogan della nostra regione è “Scopri le Marche”, noi diciamo “Scopri Corridonia”».

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X