Covid hospital in scadenza,
Ciarapica: «Faremo una proroga»

CIVITANOVA - Il 31 luglio finisce la convenzione. Da una parte Amedeo Regini, vice presidente del comitato che non vuole la struttura, contesta che la questione sia passata in secondo piano con l'avvio della campagna elettorale. Dall'altra il sindaco spiega: «Prevediamo di mantenerlo aperto fino alla fine dell'emergenza»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
covid-hospital-nella-fiera-archivio-arkiv-civitanova-FDM-6-650x434

Il Covid center

 

di Laura Boccanera

In scadenza la convenzione per la fiera Covid, il sindaco: «faremo una proroga, finché l’emergenza non potrà dirsi passata quella struttura può servire». Intanto Amedeo Regini vice presidente del comitato  “No fiera ospedale Covid” contesta: «questione sparita dai radar per la campagna elettorale, il 31 luglio scade la convenzione». Diverse interpretazioni per la questione della fiera Covid di Civitanova: secondo l’associazione quella del 31 luglio è una

sindaco-fabrizio-ciarapica-civitanova-FDM

Fabrizio Ciarapica

scadenza vincolante, ma «non è dato sapere se la Regione ha chiesto al Comune avvalendosi dell’Art.3 della Convenzione il rinnovo della stessa. Questo è un passaggio importante perché come è noto a chi governa enti pubblici la legge vieta il tacito rinnovo delle Convenzioni fra enti pubblici. La conseguenza è che se la Regione non chiede la proroga entro il 31 luglio non ci sono problemi ma nel caso che la proroga venga richiesta questa deve essere formalizzata attraverso un atto pubblico del Comune. In questo caso non si tratta di una Convenzione qualsiasi ma di una vicenda complessa che ancorché cada nel probabile rinnovo da parte del governo dello Stato di Emergenza un passaggio in Consiglio Comunale il Sindaco lo dovrebbe fare». «Quando abbiamo firmato la convenzione – afferma il sindaco Fabrizio Ciarapica – abbiamo specificato che valeva fino alla fine dell’emergenza. Se come pare anche a livello nazionale si va verso una proroga dello stato di emergenza (Conte ha annunciato in serata che i termini sono prorogati fino al 15 ottobre, ndr) non ci sono problemi, a mio avviso probabilmente però dovremmo ratificare con un atto il rinnovo. In teoria se lo Stato non rinnovasse lo stato di emergenza potremmo tornarne in possesso, ma io credo che, avendo la disponibilità di questa struttura, anche alla luce del nuovo caso di positività registrato a Civitanova occorre prudenza e cautela prima di pensare di smantellare la fiera».

 

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X