«Rivalutare le graduatorie
del bando regionale
“Investimenti produttivi in area Cratere”»

SISMA - L'appello di Cna: «Occorre rivedere i punteggi attribuiti i base alle Aedes»
- caricamento letture

 

sisma-caldarola1-e1567946261796-325x285

Caldarola

 

Bando della Regione Marche “Investimenti produttivi in area sisma”, esattamente un anno fa, il 1° luglio 2019, scadevano i termini di presentazione delle domande. Cna chiede di rivalutare le graduatorie rivedere i punteggi attribuiti i base alle Aedes. «Un bando molto corposo con quasi 20 milioni di euro disponibili per restituire il 50% delle risorse alle imprese che dalla data della prima scossa del 24 agosto 2016 avevano investito, o che fossero intenzionate a farlo per i 3 anni successivi, nel proprio ciclo produttivo – si legge nella nota Cna – Un bando che ha riscosso un successo di partecipazione da record; nelle oltre 50 fitte pagine del foglio excel delle graduatorie pubblicate la settimana scorsa, compaiono quasi 3500 partite iva. I criteri per la formazione della griglia prevedevano solo 4 priorità: la quantità del danno riportato nella scheda Aedes, l’incremento occupazionale, la grandezza dell’investimento e la dimensione dell’impresa. Il danno subito a causa del sisma era naturalmente quello che incideva di più nella formazione del punteggio finale. Ad oggi, non sappiamo fino a quale posizione verranno finanziate e quante rimarranno a bocca asciutta – sottolinea Cna – l’unica cosa certa è che nel frattempo è cambiato il principale fattore che ha determinato l’attribuzione dei punteggi. Le prime schede Aedes fatte tra e subito dopo le scosse, infatti, sono state spesso smentite e rivalutate dai tecnici. Non di rado, è successo che l’abitazione lesionata e classificata in un primo momento come “B – danno lieve”, andandoci a mettere mano, era in realtà una “E – danno grave”. Sembra quindi giusto, a seguito di questa importante variazione, che anche il peso delle domande presentate da queste imprese debba essere ricalcolato con il conseguente aggiornamento delle graduatorie o con lo stanziamento di appositi fondi aggiuntivi. -conclude Cna – Il tempo scorre in fretta e mentre già siamo al “post” di un’altra emergenza, i danni fatti dal sisma del 2016 sono nel frattempo aumentati, calcolabili con esattezza e, purtroppo, estremamente reali».

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X