Storia di ordinaria burocrazia
«Le elezioni bloccano la nascita
di una nuova attività commerciale»

MONTE CAVALLO - Il sindaco Pietro Cecoli denuncia l'impossibilità di utilizzare i locali dell'ex chiesa: «Non è notizia di tutti i giorni che una famiglia di quattro persone voglia venire a vivere qua e voglia aprire un bar, ma come sempre in Italia le cose non sono mai semplici. E' emerso che il seggio dovrà essere per forza ospitato lì»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

STRUTTURA-EX-CHIESA-1-650x488

I locali dell’ex chiesa a Monte Cavallo

 

La burocrazia, o meglio le elezioni, bloccano la nascita di una nuova attività nel comune più piccolo delle Marche. «Non è notizia di tutti i giorni che una famiglia di quattro persone voglia venire a vivere qua e voglia aprire un bar, ma come sempre in Italia le cose non sono mai semplici e ci si mette di mezzo la burocrazia – racconta il sindaco di Monte Cavallo Pietro Cecoli – diverso tempo fa abbiamo ricevuto la richiesta da parte di un’attività commerciale, dei locali dell’ex chiesa, per allestire un’attività di bar e gelateria e degustazione. Dato che ora sono liberi, da quando abbiamo riaperto la chiesa dopo i lavori, siamo stati ben felici della richiesta».

monte_cavallo-3-400x225

Pietro Cecoli, sindaco di Montecavallo

A mettersi di traverso sulla strada della futura attività, ci sono niente di meno che le elezioni regionali, previste a settembre. «La famiglia che è originaria del nostro comune ed aveva un’attività fuori, attende di riparare i danni della loro casa e vorrebbe venire a vivere qua, ma è emerso che il seggio per le prossime elezioni, dovrà essere per forza ospitato nell’ex chiesa, perché i militari devono dormire dentro la notte – continua Cecoli – noi avevamo proposto invece la vicinissima sala polivalente, che si trova a soli dieci metri di distanza e di mettere davanti all’ingresso un container dove ospitare i carabinieri per la sorveglianza del seggio. Sembra che non si può fare, perché la legge prevede che devono dormire dentro la struttura». Nel frattempo la situazione per il nuovo bar rimane bloccata, proprio all’inizio di una stagione turistica estiva che sta portando tantissime presenze anche nel piccolo centro del maceratese. «Anche chi vuole portare opportunità e sviluppo in un piccolo centro come il nostro – conclude il sindaco – si deve scontrare con l’ottusità della burocrazia che pone sempre ostacoli e di chi applica le leggi, siamo in una doppia emergenza, dopo il terremoto ed il Covid, va sostenuto chi vuole rilanciare l’economia stagnante delle nostre zone».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X