«In arrivo test sierologici su larga scala:
li renderemo più accessibili»

CORONAVIRUS - Il governatore ha annunciato che è in lavorazione una delibera che porterà ad aumentare i controlli: «Abbiamo richieste da parte delle imprese che si occupano di bar e ristorazione, renderemo più semplici poterli fare anche per questi settori»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

plasma-regione-1-325x244

Il presidente Luca Ceriscioli

 

Nessun nuovo contagio all’ospedale di Torrette, ad Ancona, il presidente Luca Ceriscioli annuncia che è in lavorazione una delibera che prevederà l’uso su larga scala dei test sierologici.

A Torrette i prelievi eseguiti sono stati 3.885 (90,4% di adesione). Di questi 221 (il 5,7%) sono risultati positivi e, successivamente, negativi al tampone. Dal 9 aprile, dunque, nessun contagio tra gli operatori di Torrette. «La Regione ha compreso l’importanza dei test sierologici in termini concreti e non solo con gli annunci. L’azienda di Torrette è stata la prima a mettersi in moto e a fare gli atti amministrativi necessari per poter attivare la procedura e oggi possiamo raccogliere un primo risultato di questo lavoro. Il dato dei tamponi tutti negativi è stato sorprendente ed è un risultato importante» ha detto il presidente della Regione Luca Ceriscioli questa mattina durante la videoconferenza stampa degli Ospedali riuniti di Ancona convocata per presentare i risultati del percorso diagnostico integrato sieromolecolare clinico applicato agli operatori sanitari. Il governatore ha poi ricordato che questo percorso è stato attivato dalla Regione all’interno di una strategia diagnostica complessa, che prevede non solo l’istantanea del tampone, ma anche esami, come quello sierologico, che permettono di ottenere una serie di importanti indicazioni mediche, scientifiche e di prevenzione. «Al contempo – ha detto Ceriscioli – abbiamo voluto allargare la tutela di tutti coloro che lavorano in prima linea. Non a caso la delibera di giunta individua come primi soggetti su cui applicare il sierologico i dipendenti della sanità pubblica e gli operatori delle forze dell’ordine. Per la terza fase sanitaria – ha aggiunto – è prevista una specifica delibera che regolamenterà una serie di attività più diffuse sul territorio, compreso l’uso su larga scala dei test sierologici. Prezioso per l’elaborazione di questa terza fase sarà il contributo dell’azienda di Torrette, per affinare strumenti e percorsi, che ora diventano fondamentali. Dal 18 maggio saranno attive molte imprese, legate ai servizi alla persona, alla ristorazione e ai bar, e dal 29 anche gli stabilimenti balneari. Anche da questi settori arrivano le richieste di poter seguire il percorso del test sierologico e sarà nostra cura renderlo più semplice e accessibile. Come Regione siamo molto attenti anche a questo e sappiamo di poter contare su punti di riferimento importanti».

 

Sperimentazione plasma, le regole: «Usato nelle fasi iniziali del Covid»

Ok del Comitato etico, parte la terapia col plasma Ceriscioli: «Allarme inutile»

Ceriscioli: «Ridicole falsità dalla Lega, nessun veto alla terapia con plasma»

«Plasma, veto incomprensibile Vogliamo subito spiegazioni»

Plasma contro il coronavirus, sperimentazione sospesa nelle Marche

«Ospedale di Civitanova, il 15 giugno tutti i reparti riattivati» Al via le cure col plasma

«Cura Covid col plasma, la Regione acceleri» Interrogazione in Consiglio

Lotta al Covid col plasma dei guariti, le Marche aderiscono alla sperimentazione

Ceriscioli: «Siamo pronti per il 18, proposte integrative per i balneari»

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X