«Per parrucchieri ed estetiste
faremo da apripista in tutta Italia»

FASE 2 - L'assessore regionale Manuela Bora sulla riapertura anticipata del settore: «Ci siamo voluti assumere questa responsabilità perché il rischio sarebbe stato quello di alimentare l'abusivismo. Abbiamo messo a punto un protocollo che sarà testato venerdì e sul quale stanno convergendo anche altre regioni». A livello di commercio si va verso un posticipo al primo agosto dei saldi
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
ass-bora

L’assessora Manuela Bora

 

«Abbiamo l’ambizione di fare da apripista a livello nazionale, chiaramente la prudenza è d’obbligo e riaprire significa farlo con la massima sicurezza per tutti». Sono le parole dell’assessora regionale a Commercio e Artigianato Manuela Bora sulla riapertura anticipata del comparto estetisti-parrucchieri. Il premier Giuseppe Conte aveva indicato il primo giugno come probabile data, ma la Regione ha cercato di studiare un piano per non aspettare ancora a lungo. E così dal confronto con associazioni di categoria e ufficio Igiene dell’Asur è nato un protocollo condiviso, che ora potrebbe diventare d’esempio anche per altre regioni. Il protocollo infatti sta facendo convergere altri governatori e potrebbe aprire anche una breccia col ministro Francesco Boccia col quale si è aperto un dialogo, così da arrivare a un percorso condiviso col governo. Ed è questo il motivo principale dello slittamento della simulazione prevista per oggi e quindi del fatidico giorno x. Quello più probabile è diventato il 18 maggio. «Qualora la simulazione avesse avuto esito positivo, noi saremmo stati pronti anche per il 14 maggio – spiega infatti Bora a Cronache Maceratesi – ma visto l’interesse di altre Regioni e la convergenza verso il 18 maggio, c’è stato uno slittamento che speriamo possa favorire il dialogo. Noi ci siamo voluti assumere questa responsabilità della riapertura anticipata perché il rischio sarebbe stato quello di alimentare l’abusivismo, con danni dal punto di vista economico e rischi dal punto di vista igienico. Ma il tema delle riaperture anticipate non può essere letto nell’ottica di una corsa o una gara».

A questo punto dunque, la prova generale di venerdì a cui parteciperanno anche il governatore Luca Ceriscioli e la direttrice generale dell’Asur Nadia Storti sarà fondamentale. Sarà effettuata in due saloni di Ancona con i dipendenti che si fingeranno clienti. «E vedremo nel concreto – continua Bora – se nel passaggio dalla teoria alla pratica c’è qualcosa da migliorare o meno. Se andrà tutto bene partirà poi una campagna informativa a livello regionale, così da permettere a tutti di attrezzarsi. Uno dei punti di forza del protocollo è quello di mettere a disposizione diverse alternative per garantire comunque il massimo della sicurezza. Faccio un esempio: ai camici monouso, nel caso ci fosse difficoltà a reperirli, si propone come alternativa il lavaggio a 70 gradi con determinati prodotti dei camici tradizionali. Fermo restando che credo non ci sia misura di prevenzione più efficace che il senso di responsabilità di ognuno di noi». E infatti tra le altre misure anche quella di raccomandare ai clienti di rinunciare in caso di febbre e poi: lavaggio della testa obbligatorio pdai parrucchieri, appuntamenti solo telefonici e nessuna fila fuori dal negozio, mascherine obbligatorie, flessibilità degli orari (dalle 8 alle 21,30) e possibilità di aprire anche 7 giorni su 7, igienizzazione dei locali. Ovviamente tutto questo rappresenterà un costo in più. «E non potrà ricadere né sul cliente, né interamente sul gestore – conclude Bora – per questo la collega Loretta Bravi sta lavorando a un bando che prevede finanziamenti a fondo perduto del 50% delle spese sostenute per adeguarsi dal punto di vista della sicurezza».  A livello di commercio invece la XI commissione Attività Produttive della Conferenza delle Regioni, coordinata proprio dalla Bora, ha dato l’ok allo slittamento dei saldi dal primo luglio al primo agosto. Decisione che dovrà essere ratificata dalla Conferenza delle Regioni. 

(Redazione Cm)

Estetisti e parrucchieri, slitta la prova: incerta la data di riapertura

Parrucchieri ed estetiste, «c’è il via libera della Regione Al lavoro dal 14 maggio»

Parrucchierie e centri estetici, Ceriscioli prova ad accorciare i tempi: «Protocollo di massima sicurezza»

La Lega: «Riaprire estetisti e parrucchieri, l’abusivismo va arginato»

Parrucchieri ed estetisti dal sindaco: «Un solo cliente e igienizzazione Attenzione agli abusivi»

Ciarapica sta con i parrucchieri: «A Civitanova 150 attività nello sconforto»

«Parrucchiere ed estetiste a domicilio: stop a chi lavora abusivamente»

Parrucchieri ed estetisti ancora fermi: «Inaccettabile riaprire a giugno, significa tre mesi senza incassi»

Estetista, la più desiderata dalle donne «Le spose scelgono la nuova data di nozze in base alla mia disponibilità»

«Io parrucchiere di terza generazione, ho superato il sisma Ora mi mancano gli abbracci»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X