Parrucchierie e centri estetici,
Ceriscioli prova ad accorciare i tempi:
«Protocollo di massima sicurezza»

ECONOMIA - Il presidente sta valutando l'idea nata dal confronto con Giorgio Cippitelli, segretario regionale di Confartigianato. Esulta Karina Maria Rogani che ha un salone a Civitanova: «Ci siamo già preparati al meglio». Silvia Capozucca sottolinea: «Il problema del lavoro nero e dell'abusivismo c'è ed è reale»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
luca-ceriscioli-1-325x211

Luca Ceriscioli

di Laura Boccanera

Un protocollo potrebbe anticipare i tempi delle riaperture nelle Marche. In particolare a beneficiarne potrebbero essere parrucchieri ed estetisti che il decreto del presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha rinviato a giugno. La riapertura potrebbe invece avvenire il 18 maggio in regione. Non sarebbe la prima volta che le Marche si portano avanti. Dopo essere state tra le prime regioni a chiudere le scuole, ieri sono state tra le prime a permettere il take away con una ordinanza lampo del presidente. e  A dare speranza sia al settore del benessere che anche ai fedeli (potrebbero ripartire anche le messe) è il presidente Luca Ceriscioli che scrive sul suo Facebook: «Proviamo a individuare un protocollo che garantisca la massima sicurezza. Le associazioni di categoria sono d’accordo. Non faccio questioni di fughe in avanti, ma solo di sicurezza. Vogliamo verificare se è possibile accorciare i tempi». L’idea è nata in seguito a un confronto fortuito con il segretario di Confartigianato Giorgio Cippitelli.

karina

Karina Maria Rogani

Tornano a sperare gestori di centri estetici e parrucchieri che avevano disperato dopo la conferenza stampa di Conte.
«Sentire Conte che l’altra sera ha parlato del 1 giugno per la riapertura delle parrucchierie mi ha destabilizzato – commenta Karina Maria Rogani del salone Karina Love hair a Civitanova – anche perché in questi giorni di chiusura ci siamo preparati al meglio per garantire la sicurezza. Abbiamo kit monouso, impianti per la sanificazione dei locali, mascherine, guanti e addirittura una maschera visiera in plexiglass per garantire la totale sicurezza del cliente assieme a misure di distanziamento fra un cliente e l’altro con appuntamenti su misura. Chiediamo solo di riprendere a lavorare, magari anche solo il titolare. Anche perché è esploso il fenomeno dell’abusivismo che oltre che danneggiare noi professionisti rappresentano un pericolo per l’incolumità perché andando casa per casa non si garantiscono misure di sanificazione e sicurezza di alcun tipo. Oltretutto hanno ripreso a lavorare i fisioterapisti che lavorano manipolando il corpo e noi no. Sono assolutamente d’accordo con l’ipotesi regionale di anticipare i tempi».
Più cauta invece Silvia Capozucca del salone S2 Hair di Sara e Silvia, sempre a Civitanova: «Se arrivassero i fondi stanziati saremmo più tranquilli, siamo ancora in attesa dei 600 euro. Io personalmente non ho tutta questa fretta di riaprire perché la preoccupazione per la salute e per una ripresa del contagio con l’allentamento del distanziamento ce l’ho. Non possiamo sapere se una cliente sia asintomatica. In questa fase mi fido della scienza e se i medici dicono che è pericoloso riprendere ci credo. Alla fine tra le ipotesi di ripresa tra fine maggio e inizio giugno cambia poco. La salute viene prima e purtroppo non siamo considerati fra i servizi essenziali. Il problema del lavoro nero e dell’abusivismo invece c’è ed è reale».

Parrucchieri ed estetisti ancora fermi: «Inaccettabile riaprire a giugno, significa tre mesi senza incassi»

Estetista, la più desiderata dalle donne «Le spose scelgono la nuova data di nozze in base alla mia disponibilità»

«Io parrucchiere di terza generazione, ho superato il sisma Ora mi mancano gli abbracci»

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X