Danni all’ospedale di San Severino,
firmata ordinanza di sgombero

LA SITUAZIONE NELL'ENTROTERRA - L'ufficio del Cup e tre ambulatori al pianoterra non potranno essere utilizzati. Nel comune settempedano, a Matelica e a Castelraimondo i tecnici stanno valutanto la situazione delle abitazioni private e degli edifici comunali. Danneggiato il castello di Carpignano. Allestiti vari punti di accoglienza per aiutare chi è rimasto senza casa
- caricamento letture

terremoto monia dormire fuori

Alcune persone hanno preferito dormire nei camper

 

di Monia Orazi

Lievi danni ad alcune abitazioni ed una gara di solidarietà per aiutare le popolazioni colpite dal terremoto. La situazione è simile nei comuni di Matelica, Castelraimondo e San Severino, pochi danni, tanta paura ma anche la volontà di aiutare chi non ha più nulla, per questo sono state avviate raccolte di generi di prima necessità. Tante le persone che anche la scorsa notte hanno scelto di dormire in auto, oppure nei camper di proprietà. A San Severino predisposti tre centri di accoglienza: ai giardini del Rione di Contro, al palazzetto dello Sport Ciarapica e nel tendone del tennis club dietro al cinema Italia. Oggi pomeriggio si allestiranno delle brandine, che saranno consegnate dalla protezione civile.

terremoto_castello_carpignano

Il castello di Carpignano

«Diverse persone hanno scelto di dormire nei centri di accoglienza rimasti aperti tutta la notte grazie alla Protezione civile – spiega l’assessore alle Manutenzioni di San Severino Paolo Paoloni – sin da ieri insieme ci siamo attivati per verificare lo stato degli immobili di proprietà comunale e per le richieste dei privati, che mi risultano essere oltre una decina, ma potrebbero aumentare, visto il perdurare dello sciame sismico». Continua l’assessore settempedano: «Stiamo compiendo al momento un sopralluogo al cinema Italia, dove è crollato un controsoffitto. Durante i sopralluoghi abbiamo rilevato danni contenuti, con piccole anomalie alle strutture, ma insieme all’assessore Sara Bianchi dobbiamo ancora fare un bilancio complessivo. Oggi pomeriggio dovrebbero arrivare le brandine che la protezione civile metterà nel tendone del tennis, ritenuto maggiormente sicuro». Sinora una sola abitazione presenta lesioni rilevanti ai tramezzi, la famiglia sarà alloggiata entro stasera in una sistemazione provvisoria. Per le altre abitazioni danneggiate i tecnici comunali provvederanno alle dovute verifiche. Al momento non si segnalano problemi agli edifici pubblici, l’architetto Luca Cristini ha documentato nuovi danni all’antico castello di Carpignano, chiedendo pubblicamente di provvedere.

ospedale san severino

Calcinacci all’interno dell’ospedale

  Il sindaco Rosa Piermattei ha firmato un’ordinanza di sgombero, a seguito delle scosse di terremoto, dell’ufficio Cup e di tre stanze adibite ad ambulatori siti al piano terra dell’ospedale “Bartolomeo Eustachio”. Le stanze si trovano sul lato ovest dell’edificio che non presenta comunque ulteriori danni. La direzione dell’ospedale ha immediatamente messo a disposizione altri ambienti nei quali sono state trasferite le attività ambulatoriali dando continuità ai servizi ed evitando così disagi all’utenza. Le verifiche a San Severino sono ancora in corso, per avere un quadro completo dei danni occorrerà attendere i prossimi giorni.

A Matelica le verifiche sono a buon punto, come segnala l’assessore ai lavori pubblici Massimo Montesi: «Al momento sono poche le richieste di sopralluogo, non abbiamo rilevato danni seri agli edifici pubblici ed alle chiese, le richieste sono state qualche decina.

L'ufficio del cup

L’ufficio del Cup

Stiamo verificando, su richiesta della protezione civile provinciale la disponibilità di alloggi privati, ma anche di strutture pubbliche idonee ad accogliere gli sfollati, si pensi che ormai ce ne sono trecento solo in provincia di Macerata, nelle zone tra Colmurano e San Ginesio, oltre all’area montana e Castelsantangelo. Il bilancio di oggi è di circa 1.500 senza casa in tutte le Marche, vogliamo essere vicini in ogni modo e dare una mano alle popolazioni duramente colpite». Gli scout hanno attivato una raccolta alimentare di generi non deperibili a palazzo Ottoni, bevande e coperte, vestiti nuovi ed acqua, alimenti a lunga conservazione, materiali per bambini ed oggetti per l’igiene personale, da consegnare tra le 10.30 e le 13, le 17 e le 20. Nelle case di riposo di Matelica ed Esanatoglia si sta verificando la disponibilità di posti per accogliere i nonnini delle strutture evacuate, nelle zone più duramente colpite dal sisma.

terremoto monia dormire fuori 3

Un’area di sosta

«Tutto sommato sinora abbiamo rilevato pochi danni – conferma Patrizio Leonelli, assessore ai Lavori pubblici di Castelraimondo – abbiamo chiuso in via precauzionale la chiesa di Santa Barbara a Crispiero e di San Biagio a Castelraimondo. Abbiamo alcune abitazioni lesionate, con problemi ai tramezzi. Ieri sera dopo la processione per San Bartolomeo ci siamo accorti che dalla chiesa della Sacra Famiglia sono caduti dagli angoli alcuni calcinacci, verificheremo con i tecnici comunali la situazione. Le case rimesse a posto dopo il terremoto del 97 hanno retto, la prevenzione è fondamentale». Tra i palazzi lesionati la situazione più grave si registra in quello accanto alla caserma dei carabinieri, alla fine di via Piancatelli, crepe consistenti in almeno altre quattro abitazioni del centro. Qualche calcinaccio è caduto anche nel palazzo comunale, crepe nell’abitazione adiacente la chiesa di Brondoleto. In queste ore sono al lavoro nei centri più colpiti, volontari partiti dai tre paesi. Alcuni uomini della Protezione civile di Castelraimondo sono ad Arquata del Tronto sin da ieri, così come i colleghi della protezione civile di San Severino. Da Matelica sono partiti cinque componenti della Croce Rossa con due ambulanze, che prima hanno aiutato nell’evacuazione dell’ospedale di Amandola, poi si sono recati ad Arquata del Tronto. Un gruppo di protezione civile di Matelica è giunto ieri pomeriggio a Castelsanengelo sul Nera.

san severino terremoto cup inagibile

Cinema Italia

Cinema Italia

Terremoto Cinema Italia San Severino 2

Il tendone del tennis per l'accoglienza

Il tendone del tennis per l’accoglienza

terremoto_castello_carpignano3

terremoto_castello_carpignano2

castello_carpignano_terremoto

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X