Tre pareggi consecutivi,
ma la Civitanovese resta in testa

MATITA ROSSOBLU - Gli uomini di Nocera avrebbero meritato di vincere contro il Grottammare per le occasioni prodotte ma mantengono la vetta anche con lo 0-0. Devono subito invertire la tendenza negli scontri diretti da giocare al Polisportivo: Matelica, Monturano, Futura 96 e Aurora Treia i prossimi avversari

- caricamento letture

F932DC69-DC61-46B2-8C56-053572B070B1-325x217di Aldo Caporaletti

La Civitanovese al terzo pari nelle ultime tre giornate (gli ultimi due a reti bianche), ma ciò nonostante resta in testa alla classifica. Questa settimana, dopo la caduta della Passatempese a Corridonia, in compagnia dell’altra sorpresa di stagione, la Cluentina, vittoriosa sul Matelica. Il vertice della graduatoria è molto affollato: troviamo sette squadre divise da un punto, a cui dobbiamo aggiungere il Monturano, che dista due lunghezze ma ha giocato una gara in meno. Tra le squadre che occupano l’alta classifica, alcune favorite al salto diretto di categoria o alla disputa dei playoff: Aurora Treia, Grottammare, Trodica (suo lo scontro diretto col Monturano) e lo stesso Monturano. Un po’ attardate Monticelli e Matelica, ma a quest’ultima (che ha appena cambiato il tecnico) patron Canil non farà mancare, al mercato di riparazione, i necessari rinforzi e nella fase cruciale della stagione, statene certi, la troveremo nelle zone alte della graduatoria.

6E7C5DF5-B4EC-400C-984F-B8237705D656-325x217

Michele Paolucci, capitano della Civitanovese

Pesa sulla Civitanovese il calendario: dovrà, infatti, affrontare quasi tutte le formazioni più forti nel girone d’andata in casa. Dopo Monticelli e Grottammare, l’attendono nei prossimi turni Matelica, Monturano, Futura 96 e Aurora Treia, mentre dovrà far visita al Trodica. Ciò significa che i punti che lascia ora al Polisportivo (come nel confronto col Grottammare) dovrà andare a conquistarli sui terreni “bollenti” quando non si potrà più sbagliare, quindi è bene invertire subito la tendenza. Molto dipenderà per il futuro della squadra rossoblu dal raggiungimento della migliore condizione da parte della coppia d’attacco Becker-Paolucci, entrambi con importanti trascorsi professionistici. Contro il Grottammare l’argentino è partito titolare ma dopo un tempo s’è spento (rilevato da Renzi) mentre “l’enfant du pays” Paolucci (subentrato nel primo tempo all’infortunato Galli) è stato autore delle azioni più pericolose dei rossoblu, bloccate dal portiere ospite Palanca, in una partita che la Civitanovese avrebbe meritato di vincere ai punti. Difficile però credere che Paolucci, apparso sovrappeso, non giochi da pochi mesi. Finora l’operazione del presidente Profili non ha prodotto frutti, i tifosi aspettano. Al patron non è mancata la contestazione degli ultras, favorita dal fatto che egli fosse in panchina (perciò più visibile).

2C10BDA4-3D78-4678-8C56-2F1B5D831C2E-325x217

Francesco Nocera

Il presidente di una prossima avversaria della Civitanovese, in tribuna, si è meravigliato come Profili potesse resistere ad attacchi così aspri. Mister Nocera ha cambiato modulo rispetto alla gara con la Palmense. Per far posto a Becker ha lasciato Rapagnani in panchina e confermato Garcia (poi sostituito dallo stesso Rapagnani). Solita difesa, con a centrocampo Visciano affiancato dagli under Strupsceki e Giordani. Becker trequartista dietro alle punte Galli (poi Paolucci) e Garcia. In attacco, nella ripresa, inseriti Renzi e Mandolesi. Quest’ultimo troppo tardi in un reparto che richiedeva rapidità di esecuzione. Il tecnico rossoblu, dopo aver richiamato il terzino under Foresi a spingere sulla fascia, lo ha sostituito col centrocampista, pari età, Riccardo Marini. In questo caso Nocera non ha mancato di dimostrare (da buon partenopeo) la sua innata fantasia.

4D682966-18FC-42E3-B9E2-45EDFED44F06-325x217

I tifosi della Civitanovese domenica al Polisportivo

In un singolare “volo tattico” invece di retrocedere terzino, come aveva già fatto, capitan Visciano (autore del gesto deamicisiano della consegna della fascia a Paolucci), lo ha posto al centro della difesa, allargando esterno Greco. Il tecnico ospite Cuccù ha confermato al completo la formazione vittoriosa nello scontro diretto con l’Aurora Treia, due mediani e tre giocatori veloci, pronti per le ripartenze: l’under Todisco, Franchi e De Panicis dietro all’unica punta Massi (autore di una tripletta contro l’Aurora). Per il centravanti una grossa occasione sprecata a inizio ripresa. Nel secondo tempo, mister Cuccù ha inserito la seconda punta, Paolini, per attenuare l’offensiva rossoblu. Riportando il punto sperato.

 

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
Podcast
Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X