«Col Green pass in arrivo,
200 persone mandate a casa
perché hanno finito i vaccini»

MACERATA - L'avvocato Andrea Di Buono questa mattina ha accompagnato il figlio ventenne al centro vaccinale di Piediripa: «Siamo arrivati alle 8,45 e dopo 45 minuti ci hanno detto di aver finito le dosi e che sarebbero state disponibili dopo le 14. Fanno appelli al senso civico dei giovani e poi ci troviamo a veder svilite le loro scelte»
- caricamento letture

CentroVaccinale_MacerataSoccorso_FF-17-650x433

 

«Ho accompagnato mio figlio per fare il vaccino, dopo 45 minuti di attesa ci hanno detto li avevano finiti e hanno mandato via noi e circa altre 200 persone, dicendo non sarebbero stati disponibili se non dopo le 14». A segnalare la situazione è l’avvocato Andrea Di Buono. Questa mattina, alle 8,45, si è presentato con al centro vaccinale di Piediripa per accompagnare il figlio ventenne che voleva vaccinarsi. «Dopo un’attesa di circa 45 minuti veniva comunicato alle 200 persone circa in attesa che i vaccini erano terminati e che non sarebbero stati disponibili se non dopo le 14 – dice Di Buono -.

IMG_20180518_210243_331-650x650

L’avvocato Andrea Di Buono

Ora, a distanza di due giorni dall’entrata in vigore della normativa sul Green pass, dopo che ci sono stati gli accorti appelli per la vaccinazione, dopo tutti i discorsi ed i dibattiti, soprattutto con i giovani sul senso civico e sulla responsabilità relativa anche alla espressione della propria scelta in relazione all’interesse della collettività prevalente sui singoli… un soggetto giovane – continua il legale – si trova a vedere svilire la propria scelta e quella della propria famiglia. Senza considerare che vi erano persone che avevano impegnato le proprie vite ed i propri impegni lavorativi liquidati con semplice: “i vaccini sono finiti, tornate dopo le 14”, senza poter contare neppure su un titolo di precedenza nei confronti di chi era stato convocato per il pomeriggio». Vista la necessità di fare la vaccinazione, hanno poi riprovato a passare nel pomeriggio «ci siamo andati alle 19, per cercare di fare il vaccino, ma il centro era chiuso. Ed erano presenti altri cittadini in fila che sono stati mandati a casa». Sempre al centro vaccinale oggi una donna incinta è stata mandata a casa senza vaccinazione perché le è stato detto che serviva il certificato del ginecologo in base ad una disposizione dell’Aifa. La donna è andata con il marito al centro vaccinale di Civitanova dove ha fatto il vaccino nel giro di mezz’ora.

(redazione CM)

«Mia moglie è incinta, al centro vaccinale di Piediripa le hanno rifiutato il vaccino»

 

 

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X