«Prossime 2 settimane arancioni
ma il provvedimento è eccessivo»

COVID - Il presidente della Regione annuncia la decisione del governo e torna a criticare i parametri fissati: «I dati stanno migliorando». Domani ultimo giorno in zona gialla
- caricamento letture

 

ScreeningPalaindoor_Acquaroli_02-325x291

Il presidente Acquaroli al Palaindoor durante gli screening di massa

 

 

«Mi dispiace dovervi comunicare che da domenica saremo in zona arancione e lo resteremo per almeno due settimane. Temo che anche la terza sia da mettere in preventivo ma attendiamo l’evolversi delle cose». Ad annunciarlo, in anticipo rispetto alla comunicazione ufficiale del ministro Roberto Speranza che arriverà questo pomeriggio, il governatore Francesco Acquaroli. Il governo ha quindi confermato quanto si temeva dopo l’inasprimento dei parametri per l’assegnazione dei colori. Parametri già criticati ieri dal presidente della Regione che aveva anche chiesto un confronto, non solo sui numeri. Domani quindi le Marche saranno ancora in zona gialla e da domenica entreranno nella zona arancione. «La situazione è praticamente simile alla scorsa settimana – prosegue il presidente della Regione –  anzi i rilevamenti della settimana in corso sono in miglioramento, ma così è stabilito nel nuovo Dpcm. Va bene essere prudenti, per questo anche noi avevamo deciso di rinviare l’apertura delle scuole superiori in presenza, infatti già la zona gialla prevede diverse restrizioni. Tornare in zona arancione, con un Rt ormai stabilmente sotto a 1 da un mese e mezzo, mi sembra un provvedimento eccessivo più che una scelta precauzionale. Sono amareggiato e dispiaciuto e continuerò a fare di tutto affinché il governo comprenda le nostre richieste e modifichi il Dpcm, ma le norme vanno sempre rispettate anche quando non condivise e questo è l’invito che rivolgo a tutti voi».

acquaroli_facebook

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X