«Bambini senza pediatra per due mesi,
chiesto l’intervento di Saltamartini»

SANITA' - Il problema coinvolge 1.200 bimbi che vivono a Matelica, Valfornace, Visso, Pieve Torina. Al loro attuale medico va in scadenza il contratto e per trovare un sostituto servono 55 giorni. A denunciare la situazione Dante Reale, coordinatore del Tribunale per i diritti del malato
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Dante-Reale-e1551542943910-650x623

Dante Reale

 

Scade il contratto della pediatra, bambini senza medico per quasi due mesi. Il caso riguarda circa 1.200 bambini che vivono a Matelica, Valfornace, Pieve Torina e Visso. Il problema segnalato all’Asur e all’assessore Filippo Saltamartini. Dal 7 dicembre scade il contrato della pediatra Alessandra Di Stasio, che assiste 1.200 bambini e prima dell’arrivo del sostituto ci vorranno 55 giorni. A denunciare il rischio in una lettera a Nadia Storti direttore generale Asur, al presidente regionale Francesco Acquaroli, all’assessore alla sanità Filippo Saltamartini, per conoscenza al sindaco di Matelica Massimo Baldini, è stato Dante Reale, coordinatore del Tribunale per i diritti del malato della zona. Per sollecitare un intervento, un gruppo di genitori aveva iniziato una raccolta firme lo scorso ottobre. Scrive Reale: «Abbiamo scritto il giorno 5 ottobre scorso, una nota rimasta inevasa, ai responsabili regionali politici e sanitari chiedendo di risolvere nell’immediato il problema dell’offerta pediatrica a Matelica, carente ed incerta. Le mamme preoccupate e noi associazione di tutela attendavamo segnali concreti e non annunci sulla stampa che lasciano le cose come sempre. Il riequilibrio dei servizi sanitari nei territori montani è assolutamente necessario e quello della corretta offerta pediatrica una priorità assoluta». A Matelica c’è una pediatra, Anna Grazia Ruggeri, che non può coprire una città di diecimila abitanti. Facile immaginare i disagi per i genitori, tra pandemia ed epidemia influenzale in arrivo, che possono rivolgersi solo all’ospedale di Macerata come unico reparto di pediatria, essendo stati chiusi negli anni prima San Severino e di recente Fabriano. Reale ha già contattato Saltamartini, che ha evidenziato come prima del prossimo febbraio non sia possibile far partire il contratto per il nuovo pediatra: «Siamo riusciti a prendere contatti telefonici con l’assessore che prontamente ci ha risposto assicurando che l’incarico per la sostituzione del professionista era stato sottoscritto e partirà dal primo febbraio 2021. Abbiamo fatto presente che tra la fine contratto del professionista uscente e l’inizio di quello entrante c’è uno scarto temporale non coperto di ben 55 giorni. L’assessore ha risposto che stanno cercando e che i pediatri non sono facilmente reperibili. Le famiglie vanno tutelate ed accompagnate in questo periodo difficile e non lasciate senza soluzione pediatrica».

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X