«Attivata Fase 3 del piano pandemico,
con più di 18 pazienti in pronto soccorso
ala dedicata all’ospedale di Civitanova»

EMERGENZA - Due ospedali Covid nell'Area Vasta 3 (l'altro è Camerino). La direttrice dell'Asur Nadia Storti: «I contagiati per ora staranno nella zona grigia, speriamo non aumentino». L'assessore Filippo Saltamartini: «Decisione presa perché il Covid center non può più accogliere i pazienti dei pronto soccorso. Alla casa di riposo di San Severino sono rimasti solo gli ospiti contagiati, li seguiamo con il personale dell'azienda sanitaria»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
covid-hospital-civitanova-FDM-5-650x456

Il Covid center di Civitanova questa mattina (foto Federico De Marco)

 

«Da oggi è scattata la fase 3 del piano pandemico in tutte le Marche. Per l’Area Vasta 3 oltre alla ex palazzina di Malattie infettive a Macerata sono previsti gli ospedali di Camerino e Civitanova. I pazienti per ora sono 16, a Civitanova, e si trovano nell’area grigia del pronto soccorso ma se si arriva a 18-20 bisognerà dedicare un’ala dell’ospedale come era accaduto a marzo. Speriamo vivamente che non sia necessario».

Asur_NadiaStorti_FF-3-650x434

Nadia Storti

A dirlo a Cronache Maceratesi è Nadia Storti, direttrice dell’Asur Marche e dell’Area vasta 3 che fa il punto della situazione. Ad anticipare l’apertura di un reparto Covid a Civitanova, oltre che quello di Camerino, è stato l’assessore Filippo Saltamartini, a margine del Consiglio regionale che si è svolto oggi. «Abbiamo dato attuazione all’intero piano pandemico, che prevede con il livello C si debbano attivare i posti letto di terapia Covid agli ospedali di Camerino e Civitanova».

La necessità di portare pazienti nei due ospedali (a Camerino, come anticipato ieri, in mattinata sono stati ricoverati i primi 4 pazienti, che prima si trovavano nella zona grigia del pronto soccorso della città ducale) nasce dal fatto che «il Covid hospital di Civitanova non è riuscito ad assorbire i malati dei pronto soccorso di Macerata e Civitanova» ha spiegato Saltamartini.

saltamartini-4-325x224

L’assessore Filippo Saltamartini in Consiglio regionale

L’assessore ha fatto anche il punto sulla situazione delle Rsa. «In 14 case riposo ci sono contagi, 260 gli ospiti in Rsa e case riposo con positivi ha detto. Una situazione a cui si è cercato di far fronte seguendo le strutture «con personale specialistico e infermieristico Asur e protocolli di cura ospedalieri», cosa che «ha consentito di tenere molto basso il tasso di ospedalizzazione». Sul Lazzarelli di San Severino spiega che le persone non contagiate erano state trasferite, altri 9, in questo caso positivi, sono stati portati in ospedale e attualmente «la Casa di riposo è divenuta un’area interamente Covid con la cura e le prestazioni dell’Asur per la parte sanitaria. La situazione è attentamente monitorata per le possibili concause derivanti dalla comorbilità degli ospiti delle case di riposo».

(redazione CM)

 

Covid hospital a Camerino, iniziati i primi ricoveri Il sindaco: «Decisione da rivedere»

Asur ha deciso: Camerino diventa Covid Un piano dell’ospedale per i contagiati A ore i primi quattro ricoveri

Posti finiti al Covid Center: occupati tutti i moduli

Posti letto Covid negli ospedali, da Civitanova l’allarme: «Piano pericoloso e rischioso»

 

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X