«Divieto di spostamenti extra comunali,
parrucchieri ed estetisti in difficoltà»

CRISI - Confartigianato Marche chiede un incontro con la Regione. Barbara Tacconelli, responsabile del settore Benessere: «Vanno individuati i protocolli idonei per rendere possibile la mobilità fuori dalla città di residenza per poter accedere ai servizi»
- caricamento letture
daniele-zucchini

Daniele Zucchini

 

Spostamenti tra comuni, sul divieto la Confartigianato chiede un incontro con le Prefetture e la Regione. Il problema è che tale misura impedisce ai clienti di andare da parrucchieri, estetiste e anche delle lavanderie. «Il divieto di spostamento extra comunale sta generando per le attività di servizi alla persona conseguenze sempre più pesanti, gli incassi scendono vertiginosamente – afferma Daniele Zucchini, presidente regionale di Confartigianato Benessere -. Come Confartigianato abbiamo chiesto la possibilità di incontrare le Prefetture, visto il loro diniego alla linea interpretativa della Regione, per esprimere le difficoltà degli operatori e le conseguenze della situazione sugli utenti, tenendo presente anche che il congelamento del provvedimento regionale con il quale si consentiva di poter accedere ai servizi alla persona nei Comuni limitrofi a quello di residenza o domicilio ha suscitato malcontento e proteste da parte di alcuni sindaci, soprattutto di quelli ai comuni di minor dimensione demografica, nei quali molte volte questi servizi non sono presenti».

parrucchieri-provaNel dibattito interviene anche Enrica Pigliapoco, presidente regionale di Confartigianato Estetica: «Sensibilizzare la popolazione e gli operatori economici ad attuare e svolgere comportamenti corretti contro la diffusione del virus non implica il divieto di svolgimento di attività dei servizi alla persona, che danno evidenti garanzie di sicurezza per la tutela dei clienti e degli stessi operatori, indipendentemente dal fatto che il fruitore-utente del servizio provenga dal territorio dello stesso comune o da uno limitrofo o vicino – specifica Enrica Pigliapoco -. L’intento e la finalità della norma, a nostro parere, è quello di evitare attraverso gli spostamenti non controllati, elementi di ulteriore pericolosità, non quello di impedire attività economiche». «Numerosissime – sottolinea Barbara Tacconelli, responsabile benessere di Confartigianato Imprese Marche – sono le casistiche di comuni con superfici di minori dimensioni o quei comuni che hanno nelle proprie zone produttive le attività in questione concorrenti ed insistenti su confini tra due o addirittura tre comuni, per i quali un’applicazione così pedissequa della norma appare un’inutile compressione delle opportunità economiche e civili di importanti comparti della nostra economia e della nostra comunità territoriale. Concetti esposti chiaramente anche da Anci Marche, a firma della sua presidente Valeria Mancinelli, la quale ha evidenziato in una nota alle Prefetture come l’impegno congiunto di istituzioni, operatori economici e cittadini e le misure stabilite per consentire il corretto svolgimento dei servizi, diano sufficienti garanzie per la tutela dei clienti e degli stessi operatori, indipendentemente dal fatto che il fruitore del servizio provenga dal territorio dello stesso comune o da uno limitrofo. Rivolgiamo quindi un invito alla regione Marche ed alle Prefetture, affinché possano essere individuati i protocolli idonei per rendere possibile la mobilità anche in Comuni diversi da quelli di residenza o domicilio, per poter accedere a questi servizi».

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X