Antonio Tajani a Civitanova
«Senza Forza Italia non si vince
In Giunta noi garanzia di stabilità»

REGIONALI - Il vice presidente degli azzurri torna a sostenere la candidatura del sindaco Fabrizio Ciarapica, indica gli obiettivi e non nasconde l'interesse per «un assessorato tra attività produttive e sanità o la presidenza del consiglio». Presenti anche il presidente di Confindustria Guzzini e l'imprenditore Germano Ercoli
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

b06f9614-f71d-41c6-b67a-30def4264ee5-650x488

 

di Laura Boccanera (foto Federico De Marco)

«Senza Forza Italia non si vince. Siamo garanzia di stabilità ed equilibrio. L’obiettivo politico? Vincere le elezioni e avere una giunta regionale che sia rassicurante, siamo il riferimento delle Marche che producono, gli assessorati che ci interessano potrebbero essere attività produttive, sanità o la presidenza del consiglio regionale». A tre giorni dalla chiusura della campagna elettorale Antonio Tajani torna a Civitanova e serve sul piatto del dibattito elettorale un po’ di materiale.

antonio-tajani

Antonio Tajani

Non dà per scontata la vittoria di Francesco Acquaroli: «i sondaggi li vediamo martedì» e poi punta sui temi cari a quel centrodestra che da Berlusconi in poi sono diventati riferimento di molti imprenditori: azienda, sviluppo, infrastrutture. E questa sera da Officina sul lungomare sud di imprenditori ce n’erano parecchi: liberi professionisti, costruttori e anche due pezzi da novanta dell’imprenditoria locale, il presidente provinciale di Confindustria Domenico Guzzini (che prese parte anche all’incontro con Matteo Renzi a Recanati) e Germano Ercoli. «Questa è una campagna elettorale tosta – esordisce Tajani accompagnato dal candidato consigliere Fabrizio Ciarapica, sindaco di Civitanova, e dal coordinatore regionale Francesco Battistoni – L’obiettivo è vincere le elezioni intanto e poi avere in giunta una presenza di Forza Italia che sia garanzia di stabilità per le Marche che lavorano e producano. Se si vince, si vince grazie a Forza Italia. In Basilicata abbiamo le deleghe alle attività produttive e alla sanità, ma qui può essere interessante anche la presidenza del consiglio regionale». Nuove richieste dunque dopo quelle del commissario regionale della Lega Marchetti che ha chiesto gli assessorati alla sanità e all’agricoltura e la risposta di Giorgia Meloni: «Se ne parlerà dopo il voto».

E pungolato sulla possibilità che il candidato Ciarapica possa ricoprire il ruolo di assessore regionale, Tajani aggiunge: «Intanto vinciamo e poi vedremo chi sarà. Abbiamo tanti candidati in grado di fare gli assessori, diversamente non li avremmo candidati. Ciarapica non ci ha chiesto di fare liste deboli per essere favorito, la vittoria sarà della squadra nessuno sarà lasciato indietro». Tajani parla poi di priorità: «non servono bonus, ma l’abbassamento della pressione fiscale, la diminuzione della burocrazia e il potenziamento delle infrastrutture, mancano soprattutto nelle aree interne, ma serve anche una portualità che sia all’altezza sia per il turismo che per il commercio».

battistoni-ciarapica

Maurizio Battistoni e Fabrizio Ciarapica

Il vicepresidente di Forza Italia sottolinea poi la necessità di utilizzare i fondi del Mes e in un passaggio parla anche dell’ospedale Covid di Civitanova voluto in tandem dallo stesso candidato Fabrizio Ciarapica e dal presidente della Regione Luca Ceriscioli: «credo che Bertolaso abbia fatto un buon lavoro – aggiunge – il rischio di una seconda ondata c’è e bisogna prevenirlo, meglio avere un ospedale e usare pochi posti che avere un’emergenza e non avere un ospedale. Però sulla sanità non basta, serve anche un servizio di prossimità e una task force nelle rsa».

Fabrizio Ciarapica di ritorno da tour nelle aziende e nell’entroterra si lascia andare ad alcune considerazioni sulla campagna elettorale: «abbiamo un approccio concreto alla politica – dice –  i nostri incontri non sono solo aperitivi e pacche sulle spalle, ma proponiamo riflessioni, lasciamo qualcosa sul territorio. In questa campagna elettorale ci sono tanti candidati ma nessuno ha un programma elettorale come ho voluto fare io. Poi se a fine mandato non avremo rispettato gli impegni che ci eravamo prefissati gli elettori potranno scegliere altro. Non siamo solo foto ma progetti e programmi precisi». Una stoccata che in punta di fioretto pare rivolta ai colleghi (ed ex) di giunta trainati dalla fascinazione per leader politici come Salvini e Meloni, dove appunto abbondano selfie e fotografie: «Sia Borroni che la Gabellieri sono candidati nel centrodestra e non sono avversari, mai ho pensato che un candidato seppur della mia giunta, possa essere un ostacolo alla mia elezione. L’augurio è che possiamo farcela tutti e tre, ma il mio obiettivo non è conquistare la Regione eliminando gli avversari, il mio obiettivo è battere il centrosinistra e auguro ad entrami tanta fortuna».

cena-tajani-ciarapica-1-650x488

Tajani e Ciarapica con Domenico Guzzini

 

cena-tajani-ciarapica-2-650x488

Germano Ercoli

cena-tajani-ciarapica-3-650x488

battistoni-tajani-ciarapica

cena-tajani-ciarapica-5-650x488

tajani-ciarapica

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X