Addio a Giuseppe “Pino” Fermani,
morto per Covid a 79 anni

CORONAVIRUS - Civitanovese, era molto conosciuto in città: era stato un dipendente pubblico e aveva lavorato al mercato ittico. A Recanati altra vittima: si è spento Gabriele Discepoli, aveva 84 anni
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
giuseppe-fermani-detto-pino-e1587036738548-325x360

Giuseppe Fermani

 

Addio a Giuseppe Fermani, per tutti era “Pino”. Il Covid non ha risparmiato nemmeno lui. E’ morto ieri alla soglia degli 80 anni all’ospedale Villa dei Pini dove era stato ricoverato. Pino era un personaggio conosciuto da tutti in città. In passato era stato un dipendente pubblico e aveva lavorato per il mercato ittico. Persona gioviale, da quando era andato in pensione lo si poteva trovare sempre in giro su e giù per il vialetto sud di piazza XX settembre. Frequentava i giardini e “il Senato”, l’emiciclo di panchine di fronte al lido Cluana, da sempre ritrovo degli anziani per la chiacchierata. Parlava di politica, del tempo, delle stagioni, delle persone e del passato. Scherzava con tutte le generazioni, dai bambini piccoli ai quali impartiva scherzi e aneddoti fino agli adulti. Abitava nel borgo marinaro. Era stato ricoverato per le complicanze dovute al Coronavirus e ieri è deceduto. Lascia la sorella Franca. Altra vittima, sempre per il Coronavirus, a Recanati. Si tratta di Gabriele Discepoli, 84enne, ospite della Rsa della città leopardiana. Si è spento ieri all’ospedale di Civitanova, dove era stato ricoverato. Prima di andare in pensione aveva gestito una macelleria.

(l. b.)

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X