«Imprese e professionisti
hanno ricevuto i 600 euro,
la tempistica è stata rispettata»

ECONOMIA - Il presidente Cna Macerata Giorgio Ligliani è soddisfatto per la rapidità dell’accredito dell’indennità: «La cifra nulla cambia per le prospettive ma è servita comunque per dare un aiuto di sopravvivenza alle categorie più deboli ed a rischio chiusura»
- caricamento letture

 

 

Giorgio-Ligliani_Foto-LB

Giorgio Ligliani, presidente Cna Macerata

 

«Già stamattina oltre un milione di imprese e professionisti hanno ricevuto l’accredito dell’indennità di 600 euro nel proprio conto corrente. Certo, l’esigua cifra nulla cambia per le prospettive di sviluppo delle imprese ma è servita comunque per dare un aiuto di sopravvivenza ad artigiani, commercianti, coltivatori diretti, liberi professionisti, co.co.co. e stagionali; in questo periodo le categorie più deboli ed a rischio chiusura». Il presidente Cna Macerata Giorgio Ligliani è soddisfatto per la rapidità dell’accredito dei 600 euro. «Dopo le tante critiche mosse da più parti nei confronti dell’Inps e del Ministro dell’economia, bisogna riconoscere e dare atto che per questa volta la tempistica è stata rispettata.- sottolinea – Un plauso va anche ai tanti colleghi di Cna e del patronato Epasa Itaco che in brevissimo tempo hanno aiutato a caricare quasi 5000 domande nella nostra provincia. Con senso di responsabilità e consapevoli del momento storico che stiamo attraversando, i nostri collaboratori hanno tirato fino a sera e anche oltre per caricare più agevolmente le pratiche, tranquillizzando chi incitava allo sprint per aggiudicarsi il primo click e soprassedendo alle forti pressioni degli scettici. Attendiamo ora con fiducia il rinnovo dell’indennità anche per il mese corrente con l’aumento ad 800 euro già annunciato. La Cna Macerata rimarrà a disposizione di tutti coloro che vorranno rinnovare la richiesta».

 

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X