Punto nascita, lunedì si chiude
Respinto ricorso al Consiglio di Stato

SAN SEVERINO - Non passa la richiesta di sospensiva del Comitato a difesa del reparto. L'avvocato Massei: "La battaglia continua. Invieremo una lettera di diffida all'Asur, perché si astenga dall'attuare le determine, almeno sino a quando il Tar non si pronuncerà nel merito"
- caricamento letture
L'ospedale Eustachio di San Severino

L’ospedale Eustachio di San Severino

Il Consiglio di Stato ha respinto la richiesta di sospensiva del Comitato per la difesa del punto nascita dell’ospedale, firmata anche da Roberta Ferretti e Jemmy Venezia rappresentate dagli avvocati Marco Massei e Stefano Filippetti. Da lunedì si chiude. Per i giudici amministrativi quanto il Tar di Ancona ha valutato in modo negativo, respingendo il primo ricorso del Comitato, non è adeguato per bloccare «la legittimità dei provvedimenti gravati in prime cure sia per l’aspetto concernente l’operatività della Stam, servizio di trasporto assistito materno e dello Stem, servizio di trasporto emergenza neonatale».  «Sia per quanto riguarda l’adeguatezza della struttura sanitaria ricevente (Ospedale di Macerata) – continuano i giudici – fermo restando, ogni approfondimento, nel merito, delle questioni qui controverse». Ma il Comitato non getta la spugna.

L'avvocato Marco Massei, componente del comitato per la difesa dell'ospedale di San Severino

L’avvocato Marco Massei, componente del comitato per la difesa dell’ospedale di San Severino

«La nostra battaglia continua – spiega l’avvocato Marco Massei – invieremo una lettera di diffida all’Asur, perché si astenga dall’attuare le determine, almeno sino a quando il Tar non si pronuncerà nel merito». Filippetti e Massei chiederanno al Tar di Ancona di fissare al più presto un giudizio di merito. «Chiediamo una moratoria – conclude l’avvocato – almeno sino a quando Macerata non sarà a norma. Questa non è una vittoria piena dell’Asur, chiediamo un passo indietro».

«Lo scopo era quello di scippare il punto nascita di San Severino – spiega Mario Chirielli segretario del comitato – sono riusciti nell’intento, ma non hanno rispettato la legge, hanno fatto come hanno voluto, non ci fermeremo qui». Il punto nascita di San Severino, secondo le ultime disposizioni Asur, resterà aperto sino al 13 marzo. Il provvedimento del Consiglio di Stato rende possibile la chiusura del punto nascita e del reparto di pediatria dell’ospedale di San Severino, già lunedì prossimo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X