Ospedali, i 5 Stelle lanciano il referendum

SANITA' - Quattro quesiti matrioska che non possono incidere sulle delibere ma intendono riportare il potere decisionale in seno al Consiglio. Per avviare la procedura servono almeno 20 mila firme, oppure le delibere di almeno 20 Consigli comunali: il primo a pronunciarsi lunedì sera sarà quello di Montelabbate
- caricamento letture
Il consiglio regionale (foto d'archivio)

Il consiglio regionale (foto d’archivio)

Il Movimento 5 Stelle lancia un referendum abrogativo per contrastare la riforma sanitaria regionale e in particolare gli atti adottati nel periodo natalizio che hanno scatenato le proteste dei sindaci. L’idea dell’onorevole Andrea Cecconi è stata ‘sposata’ dal gruppo regionale stellato: oggetto della consultazione referendaria (la prima nella storia della Regione) non possono essere delibere di giunta ma solo leggi o atti amministrativi di interesse generale. Per questo, i consiglieri regionali stellati intendono modificare l’art. 3 della legge 13 del 2003, che concentra nelle mani della giunta il potere in materia di sanità. «Quattro quesiti matrioska” – è stato detto – che non possono incidere sulle delibere, ma intendono riportare il potere decisionale in seno al Consiglio. Per avviare la procedura servono almeno 20 mila firme, oppure le delibere di almeno 20 Consigli comunali: il primo a pronunciarsi lunedì sera sarà quello di Montelabbate (nel Pesarese), Comune a guida M5s.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X