Ricostruzione all’insegna della legalità,
Castelli incontra Usr e sindacati:
«Massimo impegno della Regione»

SISMA - L'assessore ha assicurato che la maggior parte dei problemi saranno risolti con l'avvio di una piattaforma che aggiornerà dei continuo i dati sui cantieri
- caricamento letture

100giorniGiuntaAcquaroli_Castelli-650x461

L’assessore Guido Castelli

 

Ricostruzione in sicurezza, incontro dell’assessore Guido Castelli con i sindacati e l’ufficio speciale. «Comprendiamo pienamente le esigenze e le preoccupazioni dei sindacati di procedere ad una ricostruzione all’insegna della legalità della sicurezza e che sia giustamente remunerativa per le maestranze. A questo scopo come Regione siamo al lavoro e garantiamo il massimo impegno» ha detto l’assessore alla Ricostruzione Castelli dopo l’incontro di ieri con il direttore dell’Ufficio speciale per la ricostruzione Stefano Babini e i sindacati Fillea Cgil Filca-Cisl, e Feneal-Uil che si occupano del settore costruzioni. «E’ stato estremamente utile, proficuo e positivo – ha detto Castelli – e ha avuto come oggetto le misure adottate e da adottare per la sicurezza dei cantieri, l’adeguatezza dei salari dei dipendenti delle imprese e più in generale le questioni relative alla legalità e alla sicurezza. Esigenze assolutamente prioritarie soprattutto considerando il fatto che il cratere del sisma 2016 è attualmente il più grande cantiere d’Europa». E’ in corso la realizzazione, da oltre un anno, una piattaforma che consenta in modo continuo l’aggiornamento di tutti i dati che riguardano i diversi cantieri, le presenze, il rispetto dei requisiti.

«Una parte consistente dei problemi esposti nell’incontro – ha proseguito Castelli – sarà risolta grazie all’introduzione della piattaforma. Nel frattempo, tuttavia, esistono degli strumenti che la nostra Regione vuole mettere in campo per favorire la trasmissione di questi dati relativi alla ricostruzione. Un modo per consentire alle forze sindacali, alle istituzioni e agli organismi di sorveglianza il massimo controllo delle condizioni dei lavoratori. E’ infatti intenzione della Regione stipulare una convenzione con le Casse Edili proprio per formalizzare una modalità sistematizzata di trasferimento dei dati per monitorare lo stato dell’arte e la messa a regime del Durc di congruità, un istituto introdotto dal 2018 che garantisce, che a fronte di contributi concessi superiori a 50mila euro, ci sia adeguato compenso del personale impiegato nel cantieri». L’assessore ha anche indicato alcune esperienze già avviate, come il caso della Provincia e della Prefettura di Macerata che, grazie ad un accordo di collaborazione con il commissario straordinario e il ministero degli Interni, hanno avviato dei tavoli sperimentali per verificare e monitorare le condizioni di lavoro nel cratere. Castelli ha anche ipotizzato un coinvolgimento dell’Asur per potenziare meccanismi di controllo significativi per la prevenzione sui luoghi di lavoro e si è impegnato in accordo con i sindacati a favorire iniziative di formazione per le maestranze impegnate nella ricostruzione. Si è parlato nel corso dell’incontro anche di numeri e dati relativi all’avanzamento della ricostruzione: 6.608 pratiche elaborate dall’Usr, 1 miliardo e 834 milioni di contributi concessi.

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X