Sinergie nel cratere per sport e giovani,
il ministro Abodi incontra Guido Castelli

SISMA - Al centro del summit che si è svolto a Roma il report sullo stato dell’arte di tutti gli interventi di ricostruzione delle infrastrutture danneggiate dal terremoto del 2016

- caricamento letture

Il-commissario-Castelli-con-il-Ministro-allo-Sport-Abodi

Guido Castelli ha incontrato Andrea Abodi

Il Ministro per lo Sport e i Giovani, Andrea Abodi, oggi a Roma ha incontrato il commissario straordinario per la riparazione e la ricostruzione sisma 2016 Guido Castelli. Quello odierno è stato un primo confronto volto a creare tra le parti sinergie finalizzate a iniziative comuni nei territori dell’Appennino centrale colpiti dal sisma.

Il commissario Castelli ha consegnato ad Abodi un report sullo stato dell’arte di tutti gli interventi di ricostruzione delle infrastrutture sportive danneggiate dal terremoto del 2016 e illustrato le numerose iniziative progettuali finanziate dal Piano complementare sisma, sia per la rigenerazione urbana legata a strutture e impianti sportivi, sia per lo sviluppo e il consolidamento del settore sportivo. «Il Ministro Abodi – ha dichiarato il Commissario Castelli – ha mostrato disponibilità immediata alla collaborazione e mi ha fatto estremamente piacere la sua attenzione nei confronti dei nostri territori, che hanno un grande potenziale, e la sua comprensione dell’importanza della riparazione socioeconomica. Lo sport – ha aggiunto – è uno strumento eccezionale di aggregazione e di coesione tra persone e comunità, dobbiamo promuoverlo e farne il miglior uso possibile, lavorando di squadra».

«L’incontro di questa mattina con il commissario straordinario, che ringrazio, è stato molto importante perché mi ha consentito di conoscere lo stato dell’arte dell’opera di ricostruzione delle infrastrutture sportive lesionate dal sisma del 2016 – sottolinea Abodi -. Sono rimasto colpito dal quadro presentato e dalla passione con la quale il senatore Castelli e la sua squadra si stanno adoperando perché, in tempi brevi, vengano ripristinati e migliorati nella loro funzionalità e messi a disposizione del territorio i luoghi di sport, vere e proprie infrastrutture sociali che concorrono al benessere psico-fisico delle persone e al rafforzamento del senso di comunità. Abbiamo previsto un nuovo incontro il prossimo 14 settembre, per dare inizio operativo alla collaborazione sia in ambito sportivo, che per quanto concerne le politiche giovanili».

Nel dettaglio, le infrastrutture sportive lesionate dal sisma 2016 sono state 65, per un totale di interventi economici – finanziati attraverso Ordinanze – previsti di 93,6 milioni di euro. Dei 65 interventi, 18 si trovano in Regione Abruzzo, 6 nel Lazio, 36 nelle Marche e 5 in Umbria. Il Piano complementare sisma 2009 e 2016, noto anche come NextAppennino, prevede il finanziamento di una serie di progetti delle misure A2.1 e A3.1 che riguardano interventi di recupero e rifunzionalizzazione di edifici pubblici, di efficientamento energetico e di mitigamento del rischio sismico per un totale di 21,7 milioni di euro (40 opere).

Molti di questi immobili pubblici sono ad uso sportivo e ricreativo. Per la misura A.3.3 è in programma l’implementazione dei cammini culturali, tematici e storici, per i quali è previsto un finanziamento complessivo di 116,7 milioni di euro (149 interventi). Infine, la misura B2.1 di NextAppennino per il sostegno a cultura, turismo e sport ha un plafond di 60 milioni di euro. Circa il 20% degli interventi previsti è destinato ad attività e imprese a carattere sportivo.

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
Podcast
Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X