L’opposizione contesta il bando
«Risibile il contributo da 10mila euro:
tra le associazioni c’è sconforto»

MACERATA - Mozione dei consiglieri David Miliozzi, Elisabetta Garbati, Andrea Perticarari, Alessandro Marcolini, Ulderico Orazi, Stefania Monteverde, Ninfa Contigiani e Alberto Cicarè: chiedono all'amministrazione di rivedere l'entità dei fondi messi a disposizione per le realtà del terzo settore
- caricamento letture
ConsiglioComunale_GreenPass_FF-17-325x217

Il consiglio comunale di Macerata

 

Bando di 10mila euro per le associazioni, le opposizioni puntano il dito contro l’amministrazione e ne chiedono la revisione. I consiglieri David Miliozzi (Macerata Insieme), Elisabetta Garbati (Macerata Rinnova) Andrea Perticarari, Alessandro Marcolini e Ninfa Contigiani (Pd) Ulderico Orazi (Italia Viva), Stefania Monteverde (Macerata Bene Comune) Alberto Cicarè (Strada Comune) hanno presentato un mozione che sarà discussa nel prossimo Consiglio.

«Molte associazioni – dicono – si sono trovate a rispondere al bando all’ultimo minuto, altre, invece, vi hanno rinunciato per i tempi ristretti di progettazione; tra le associazioni vige lo sconforto per un contributo economico esiguo che non permette di valorizzare pienamente il loro potenziale di azione; tale risibile contributo può apparire come una mancanza di impegno, lavoro e attenzione rispetto al mondo associativo».

Secondo gli esponenti della minoranza «le realtà associative costituiscono da anni una rete operativa di significativo valore culturale e sociale per la città – si legge nella mozione – le associazioni cittadine, per il carattere sociale che le contraddistingue, sentono la necessità di tessere continuamente relazioni tra loro e con l’amministrazione comunale al fine di, secondo gli ambiti di competenza di ciascuna, porsi al servizio della cittadinanza; il comitato di coordinamento Alfa ha convocato l’assemblea per il 30 giugno; l’Assemblea delle libere forme associative deve avere un ruolo centrale nel rapporto tra amministrazione comunale e mondo associativo».

Fatte queste premesse, con la mozione si vorrebbe impegnare l’amministrazione a «lavorare a un protocollo d’Intesa condiviso con Alfa e il mondo associativo; a rivedere l’entità del contributo, ragionando su una cifra più adeguata; a lavorare per un rapporto strutturato, non improvvisato, tra Reti sociali e amministrazione comunale, anche in funzione della Riforma del terzo settore, che apre a queste dinamiche Istituire un tavolo di confronto tematico e inclusivo per una pianificazione condivisa delle attività socio-culturali in città».

 

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =