Aperitivi Europei, Di Pietro:
«E’ tempo di cambiare formula
e andare oltre all’aperitivo»

MACERATA - Secondo l'ex assessore comunale al commercio, che nel 2007 lanciò la manifestazione, bisogna integrare l'evento aprendolo anche ai ristoranti ed aggiungendo eventi culturali e musicali
- caricamento letture
CentroSinistra_FF-3-650x433

Stefano Di Pietro

 

di Luca Patrassi

«A dire il vero pensavo che con il cambio di guida dell’amministrazione comunale ci potessero anche essere nuove idee su come organizzare gli Aperitivi Europei. A mio modo di vedere questa festa, che nasceva concepita come aperitivo e quindi come momento pre serale, è divenuta di fatto una festa che aggrega migliaia di persone fino a tarda sera e pertanto credo che si possa pensare di organizzare, oltre all’aperitivo, anche cene nei ristoranti seguendo lo stesso principio della cucina regionale di vari Paesi europei, poi piccole feste per il dopo cena magari caratterizzate da eventi culturali e musicali non troppo chiassosi e questo consentirebbe all’evento di acquisire nuova linfa per il futuro facendo in modo che la festa non degeneri in una grande sagra». Ad esprimersi nella maniera appena citata è Stefano Di Pietro, l’allora assessore comunale al commercio che nel 2007 diede il via agli Aperitivi europei, diventata ora la manifestazione di maggior richiamo in città.

AperitiviEuropei_venerdi_FF-13-650x434

L’ultima edizione degli Aperitivi europei

 

«Allora – ricorda Di Pietro – l’idea iniziale fu quella di far vivere l’esperienza dell’Interrail, quel viaggio che a molte generazioni ha fatto scoprire ed avvicinare i Paesi della comunità europea e giovani ragazzi. Partendo da questo spunto prendemmo un piccolo finanziamento che arrivava dalla comunità europea per promuovere l’attività istituzionale della stessa. La domanda era come coinvolgere i giovani? Quindi decisi di utilizzare l’aperitivo come stimolo iper un momento di incontro dei giovani maceratesi in particolar modo si cercava di coinvolgere anche gli studenti universitari, inoltre l’idea dell’aperitivo voleva anche essere di incentivo ad uscire prima di casa e e come dire frenare l’impeto notturno giovanile che a volte si protraeva fino a tardi». Non furono tutti entusiasti, all’inizio: «Allora non furono poche le difficoltà per coinvolgere i pubblici esercizi in questa manifestazione, l’idea di dover preparare esclusivamente piatti di un Paese europeo veniva vissuta come una limitazione. Il seguito lo conosciamo, la festa ormai avanti da più di un decennio ed ha caratterizzato la nostra città partendo appunto dall’idea di formare le nuove generazioni dentro un unico grande contesto europeo».

AperitiviEuropei_venerdi_FF-10-650x434

Albania_AperitiviEuropei_venerdi_FF-9-650x434

AperitiviEuropei_venerdi_FF-2-650x434

Delizie_AperitiviEuropei_FF-8-650x434

AperitiviEuropei_venerdi_FF-5-650x434

L’Europa chiama, Macerata risponde Gli aperitivi sbancano in centro (FOTO)

Un sorso d’Europa in centro, al via gli Aperitivi (Foto)

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =