Telecamere sul conflitto in Ucraina:
la testimonianza sul campo
di Gunther Pariboni (Le foto)

GUERRA - Il reporter che vive ad Ascoli dal 2019 e collabora anche con Cronache Picene è stato inviato nelle zone di frontiera, insieme con il cameraman Lorenzo Turi e il giornalista del Tg1, Giacinto Pinto. «Colpisce l'umanità dei poliziotti di frontiera. Il loro gabbiotto, riscaldato, è diventato una nursery per cambiare i bambini»
- caricamento letture

WhatsApp-Image-2022-03-05-at-15.29.46

Gunther Pariboni in un rifugio antiaereo a Kiev

di Maria Nerina Galiè

«La parte più difficile di questa situazione è non farti prendere dall’empatia, ma quando senti i bambini piangere o vedi i genitori disperati perché hanno perso tutto, allora sei costretto a ricacciare dietro la commozione»: questo il commento di Gunther Pariboni, reporter che vive ad Ascoli dal 2019 e collaboratore, tra le altre cose, anche di Cronache Picene.

ucraina-guntherPariboni, telecamera in mano e coraggio – come stanno dimostrando tanti colleghi per raccontare al mondo intero gli effetti reali di quella che il governo russo si ostina a definire “operazione speciale” – è lì per conto della Xentek, che fornisce materiale audiovisivo e fotografico a Rai e Mediaset.

«La mattina ero a prepararmi il caffè a casa – racconta, attraverso messaggi a intermittenza che riesce ad inviarci – e la sera ero a Chisinau, in Moldavia, con il cameraman Lorenzo Turi e il giornalista del Tg1, Giacinto Pinto. La sensazione è quella di stare in piedi su una sfera. In qualsiasi momento sai che in questa zona di pace, la Moldavia, potrebbe scoppiare la guerra anche domani. La tappa successiva è stata Palanca, al confine con l’Ucraina.

ucraina-gunther14Abbiamo visto forse più di un migliaio di persone che aspettava i loro cari e anche i rifugiati oramai in salvo. Colpisce molto l’umanità dei poliziotti dei poliziotti di frontiera: il loro gabbiotto, riscaldato, è diventato una nursery per cambiare i bambini». Non stanno mancando le brutte avventure: «Da lì poi ci siamo spostati in Transnistria, uno stato autonomo non riconosciuto da nessuno, che è un avamposto russo con tanto di carri armati e militari russi. Siamo stati seguiti dal Kgb perché insospettiti da come usavamo i cellulari per riprendere, anche se in realtà penso che ci stavano seguendo da diverso tempo».

Günther Pariboni, 49 anni, una laurea in comunicazione e diversi anni passati come documentaristica, (ha un trascorso con la Cnn e Discovery Channel) nel 2019 ha scelto di vivere ad Ascoli, dopo aver perso il lavoro a Bari: «Considero questa città e la Xentex un’opportunità per ricominciare professionalmente e umanamente». Non si è tirato indietro quando gli è stato chiesto di recarsi sui luoghi di questa guerra, inopportuna, anacronistica, fuori controllo e, quindi, ancor più pericolosa.

LA FOTOGALLERY di Gunther Pariboni

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X