Il viaggio della speranza di Maskym,
al confine per abbracciare moglie e figlia
La solidarietà di Civitanova

VIA DALLA GUERRA - Oltre mille euro raccolti dall'iniziativa “Un caffè per riunire una famiglia”. Aiuteranno il 39enne papà ucraino, che da 11 anni vive e lavora in città, a raggiungere la Slovacchia. L'auto riempita con beni di prima necessità, verranno distribuiti ad associazioni sul posto
- caricamento letture

 

maskym4-e1645993873362-650x574

Francesca Gentile, Claudia Gentile, Riccardo Rocchi e Maskym Perevalov (ultimo a destra) al momento della consegna dei fondi

di Michele Carbonari

La moglie, senza valigia né passeggino, domani mattina infilerà la bambina di quasi tre mesi dentro il giubbotto, cercando di oltrepassare il confine che divide l’Ucraina e la Slovacchia. Lui, il marito, partirà domani mattina sperando di incontrarle e portarle in Italia. Civitanova, la città in cui il 39enne Maskym Perevalov vive da undici anni, ha risposto presente all’iniziativa lanciata da Francesca Gentile, “Un caffè per riunire una famiglia”: raccolti mille e cento euro, cibo e materiale per bambini.

maskym1-325x244

L’auto piena di cibo e materiale per bambini

«Lavora al ristorante dello chalet San Marco, che gestisce mio zio. È uno di famiglia – racconta Francesca -. L’altro giorno è andato nell’officina di mio marito, che fa il meccanico, per un controllo alla macchina in quanto sarebbe partito per andare a riprendere la moglie e la figlia che attualmente si trovano in Ucraina. Purtroppo i voli sono tutti bloccati. Inizialmente avevano previsto di vedersi in Polonia, ma tanti pullman che accompagnano i profughi al confine non hanno più carburante e ci sono moltissimi chilometri di coda.

maskym3-e1645994102320-325x235

Maskym Perevalov con Marco Pennesi, marito di Francesca Gentile

Oggi hanno deciso di incontrarsi sul confine slovacco, una zona più vicina. Lei parte domani mattina nella speranza di oltrepassare e raggiungere un “rifugio famiglia”. Senza valigia e passeggino, infilerà la bambina dentro il giubbotto». I due si sono conosciuti un paio di anni fa, si sono sposati e a dicembre scorso è nata Aurora. Maskym da undici anni lavora a Civitanova e tanta è stata la generosità e la solidarietà riscontrata in città in poco più di un giorno. «Abbiamo raccolto quasi mille e cento euro, ma la gente ancora chiama. Abbiamo riempito anche diverse borse di materiale per bambini.

maskym2-325x244Lui ha la macchina vuota e caricherà cibo e vestiti per lasciarli alle associazioni che poi distribuiranno a chi ne ha bisogno. Non ci aspettavamo questa reazione e così tanta vicinanza – spiega Francesca -. Abbiamo intitolato l’iniziativa “Un caffe per riunire una famiglia” pensando di raccogliere un euro a testa e pensando che arrivati a due o trecento euro avremmo raggiunto un bel contributo per aiutarlo. Invece è andata al di sopra di ogni aspettativa. La marineria già ha dato un contributo di quasi quattrocento euro a Maksym, io ho consegnato il resto. Lui è un ragazzo timido, non chiesto nulla.

maskym-e1645994261264-325x365È stata un’idea nostra, perché sapevamo che ogni volta che andava a trovarle avrebbe affrontato una bella spesa – conclude Francesca Gentile -. Mio padre ha amici di Treviso, con cui ha fatto il militare. Hanno letto il post su Facebook e si sono resi disponibili per accoglierli in una sosta durante il viaggio. In più, mi ha contattata anche la moglie di Juantorena: al ritorno si incontreranno e se c’è bisogno si è resa disponibile per dare aiuto alla piccola bambina».

 

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X