facebook twitter rss

Il Coronavirus nell’entroterra:
primi casi a Visso e Matelica,
migliorano i contagiati di Pioraco

I SINDACI hanno annunciato di avere i primi pazienti Covid. Anche Belforte c'è il primo malato. Resta ricoverato l'uomo contagiato a Fiuminata. A Sefro al via lo smart working
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
287 Condivisioni

Massimo Baldini sindaco di Matelica

 

di Monia Orazi

Il Coronavirus ha raggiunto alcuni dei centri dell’entroterra montano. Primi casi ufficiali di un paziente positivo, sono stati comunicati dal sindaco di Matelica Massimo Baldini e dal sindaco di Visso Gian Luigi Spiganti Maurizi, dopo che sabato scorso era toccato a Vincenzo Felicioli, primo cittadino di Fiuminata, dare in un video la notizia del primo positivo. Migliorano le condizioni delle persone di Pioraco, risultate positive al Coronavirus. In serata il comune di Belforte ha comunicato che c’è il primo caso positivo anche nella cittadina. «Non dobbiamo farci prendere dallo sconforto ma continuare a rispettare le regole. E’ il momento di dimostrare che siamo persone civili e coscienziose» scrive il Comune dopo aver appreso della prima persona positiva dalla Prefettura.

A Matelic, il sindaco Massimo Baldini spiega che: «Le autorità competenti ci hanno comunicato che nel nostro comune risulta una persona positiva al Covid-19 e undici persone in isolamento, alcune delle quali rientrate da paesi stranieri. Si ricorda che è obbligatorio comunicare al Dipartimento di prevenzione dell’Area Vasta 3 il proprio ingresso in Italia per avviare la sorveglianza sanitaria. È prescritto, inoltre, che per chi va in autoisolamento e accusa sintomi Covid-19 l’obbligo di segnalare tale situazione con tempestività all’autorità sanitaria tramite i numeri telefonici dedicati. L’amministrazione comunale rimane in contatto quotidiano con le autorità preposte per un monitoraggio costante della situazione ed informerà la cittadinanza su eventuali evoluzioni».

Gian Luigi Spiganti Maurizi

Anche a Visso primo caso ufficiale di Coronavirus, comunicato dal sindaco Gian Luigi Spiganti Maurizi: «Sono stato informato dalle autorità sanitarie della presenza nel nostro comune di un cittadino risultato positivo al test del Covid 19. Non potendo divulgare giustamente i dati personali del nostro concittadino voglio tranquillizzare tutti dicendo che le autorità sanitarie competenti hanno messo in atto tutte le dovute misure nei confronti del soggetto interessato e di tutti coloro che hanno avuto contatti con lo stesso. Vi chiedo di agire con responsabilità nella consapevolezza che stiamo vivendo un momento particolarmente difficile, che potremmo meglio superare senza allarmismi, ma facendo attenzione alla nostra condotta quotidiana. Invio i miei più sinceri di una pronta guarigione al nostro concittadino e ricordo che, come sindaco, continuerò a garantire a tutti la mia completa disponibilità e vicinanza, nella certezza che insieme supereremo questo momento difficile».

Vincenzo Felicioli

E’ ancora ricoverato all’ospedale l’uomo di Fiuminata trovato positivo al Coronavirus, annunciato in video dal sindaco Vincenzo Felicioli: «Il virus ha raggiunto anche noi, ma non si devono creare allarmismi. Sono intervenute le autorità sanitarie, invito i miei cittadini a rispettare tutte le regole. Abbiamo effettuato la sanificazione del territorio comunale, ringrazio il Cosmari che subito si era messo a disposizione, ma abbiamo provveduto con un consigliere comunale. Rimarco invece il gravissimo disservizio creato da Poste Italiane, in un paese come Fiuminata che ha frazioni distanti anche 17 km dal capoluogo e non ha una banca da tre anni. Torno a chiedere che l’ufficio resti aperto qualche ora al giorno alternata con Pioraco, ci sono sempre file negli orari di apertura su soli tre giorni settimanali e questo non aiuta certo a contenere il contagio. Aprendo tutti i giorni, invece questo problema non ci sarebbe, tanto più che Pioraco e Fiuminata sono a soli 5 minuti di auto di distanza».

Matteo Cicconi

Sono in miglioramento le condizioni dei sei contagiati di Pioraco, dove la scorsa settimana si era registrata anche la morte dell’80enne Anna Maria Mancini, colpita dal Coronavirus. Il paese in rapporto alla popolazione residente ha il numero più alto di persone colpite, ogni mille abitanti, il numero totale dei residenti nel comune. «La situazione è stabile, non siamo un focolaio, solo una persona è in ospedale, gli altri tutti a casa e le loro condizioni sono in via di miglioramento, sono isolati da giorni e sotto la sorveglianza delle autorità sanitarie. Abbiamo fatto tutto quello che si poteva fare con ordinanza sindacale, anche in Comune il lavoro va avanti con tutte le cautele, la ricostruzione è ferma, ma noi andiamo avanti con le carte. La speranza è che una volta terminata l’emergenza, si possa partire con i cantieri in modo più snello e veloce di prima». Sono in via di miglioramento anche le condizioni dei due contagiati a Castelraimondo, un caso era stato registrato a Camerino, al momento nell’entroterra sembrerebbero non esserci altri casi.

Pietro Tapanelli

Nel comune di Sefro, il sindaco Pietro Tapanelli annuncia la partenza dello smart working: «Insieme al geometra comunale Alessandro Poduti, abbiamo attrezzato le postazioni per il lavoro a distanza, mentre gli operai stanno utilizzando le vecchie ferie pregresse al fine di evitare al massimo la presenza in sede dei dipendenti comunali. Tutto questo senza pregiudicare l’allerta meteo di questi giorni. Sono in stretto contatto con il capo operaio Cecera – dice il sindaco – per monitorare anche questa situazione. La neve sta scendendo, ma fortunatamente, per ora, con pochissimi disagi».

Articoli correlati




Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X