Baratto amministrativo bocciato,
l’opposizione attacca compatta:
“Mancanza di senso civico”

MACERATA - Per la prima volta le file della minoranza hanno votato unite sulla proposta del M5S per scambiare riduzione di tributi con opere di pubblica utilità. I pentastellati: "Persa un'occasione per far partecipare di più i cittadini alla vita della città". Maurizio Mosca: "Se una proposta non arriva dalla maggioranza non si può far nulla". Andrea Marchiori: "Si preferisce dare contributi alle associazioni". La risposta dell'assessore Marco Caldarelli: "Formula sbagliata. Criticità a livello formale e di contenuto"
- caricamento letture

 

I banchi del Pd

I banchi del Pd

 

di Claudio Ricci 

Toni roventi e scontro all’ultimo voto in Consiglio comunale sul baratto amministrativo. La mozione proposta dal M5S non è passata giusto per poche mani alzate, facendo rischiare un brutto scivolone alla maggioranza. 13 a 10, il punteggio finale con l’opposizione compatta per la prima volta dall’inizio di mandato (le assenti Deborah Pantana e Maria Franscesca Tardella avrebbero ridotto lo svantaggio ad un solo voto in meno) e astenuti pesanti nelle file della maggioranza (David Miliozzi di Pensare Macerata e gli Udc Ivano Tacconi e Marco Foglia). In sostanza, sulla scia del provvedimento previsto dal decreto Sblocca Italia e già adottato da alcuni centri della provincia (tra i primi in Italia il comune di Visso) i 5Stelle hanno proposto di dare la possibilità ai cittadini di ottenere l’esenzione e la riduzione delle imposte comunali sbrigando lavori di pubblica utilità. Gli interventi, le cui modalità di realizzazione sono stabilite dai Comuni, possono riguardare pulizia, manutenzione di aree verdi piazze, strade, decoro urbano o cura di aree o beni immobili inutilizzati. I progetti possono essere presentati da cittadini singoli o associati

Cherubini_Alfei_Messi_Foto LB (2)

Roberto Cherubini, Marco Alfei e Carla Messi consiglieri del M5S

«Vergognoso ciò che è successo in Consiglio comunale – attaccano i 5Stelle – La maggioranza, adducendo motivazioni inconsistenti, ha bocciato la nostra mozione. Lo stesso baratto amministrativo darebbe all’amministrazione la possibilità di innalzare il senso civico dei cittadini e di assicurarsi la cura di zone oggi in stato di abbandono. La cosa più incredibile è che la regolamentazione del baratto amministrativo è prevista da una legge emanata dal governo, parte dello Sblocca Italia».

«Questa mozione – continuano i pentastellati – poteva essere l’occasione per costruire insieme un regolamento che portasse i cittadini a partecipare più attivamente alla vita della città ed è invece stata l’occasione per dimostrare quali becere dinamiche sussistono nei partiti di governo. Non contano le proposte serie e solidali, contano solo da chi provengono. Confessiamo da ingenui che ci aspettavamo che la mozione, per i suoi contenuti altamente solidali, passasse all’unanimità, per cui la delusione è profonda».

consiglio giunta sferisterio opera lirica maurizio mosca foto ap (1)

Il capogruppo di Città Viva Maurizio Mosca

Duro anche l’intervento del capogruppo di Città Viva Maurizio Mosca: «E’ uno strumento previsto dalla legge. Purtroppo se una proposta non arriva dalla maggioranza non si può far nulla. E’ una mozione che fotografa una situazione nazionale e un adeguamento di Macerata sarebbe stato il passo da compiere. Non averlo preso in considerazione non mi sembra un segnale di distensione da parte della maggioranza. Capisco che i numeri siano dalla loro parte ma spero che in futuro si presti maggiore attenzione a questo tipo di proposte per il bene dei maceratesi. La verità non può stare sempre solo da una parte».

In scia l’attacco del consigliere di Fi Andrea Marchiori: «La maggioranza preferisce dare un contributo magari ad un’associazione per svolgere certe mansioni piuttosto che rivolgersi alla cittadinanza in generale. Ciò che deve prevalere su certi temi è il principio più alto della sussidiarietà che deve andare oltre la politica. Anche perché questa proposta viene da un Governo che è della stessa parte politica dell’ amministrazione».

Caldarelli_Foto LB

L’assessore al Bilancio Marco Caldarelli

Una mozione dai diversi punti oscuri secondo l’amministrazione. Ben 11 le criticità formali e di contenuto individuate dall’assessore al Bilancio Marco Caldarelli tra cui: confusione con gli istituti già esistenti della collaborazione amministrativa e dell’amministrazione condivisa, confusione tra baratto amministrativo e sostegno sociale, complessità nella valutazione delle prestazioni, controllo dell’attività svolta dai cittadini, responsabilità previdenziali e sanitarie nell’esercizio delle prestazioni, avendo carattere di sussidiarietà può essere svolta solo in ambiti in cui Comune non opera mentre la proposta è inserita solo in attività già svolte, difficoltà nell’individuare i tributi da prendere in considerazione. «L’idea è sicuramente positiva ma la mozione così come formulata è più portatrice di problemi che di altro – risponde Caldarelli –  In questa formula impegna l’amministrazione su perplessità oggettive e che non possono essere superate se non attraverso un regolamento fiscale che non sarebbe una semplice delibera. Dovrebbe passare in Commissione e poi tornare in Consiglio comunale».

***

Dal M5S Macerata riceviamo:
«Il convegno organizzato per mercoledì 24 è stato posticipato a venerdì 26 febbraio alle 15,30 all’Hotel Grassetti di Corridonia. Molto atteso l’arrivo del portavoce del M5S al senato Nicola Morra in città che per impegni in aula ha dovuto rimandare la sua visita, proprio mercoledì ricordiamo infatti, si voterà al senato il ddl Cirinna’ sulle unioni civili, è quindi necessaria la sua presenza».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X