Sanità, incontro a Tolentino:
“Caos nelle decisioni,
entroterra unito nella protesta”

RIUNIONE - Il no alla riforma ribadito in un'assemblea che si è svolta nella sala consiliare del Comune. "Le scelte non dovrebbero essere riservate ad un unico partito ma restituite in tutta la loro dignità ad ogni cittadino"
- caricamento letture
riunione sanità tolentino

L’incontro sulla sanità che si è svolto ieri sera alla sala consiliare del comune di Tolentino

 

riunione sanità tolentino

L’intervento del sindaco di Tolentino Giuseppe Pezzanesi

 

I sindaci della montagna, gli operatori della sanità, e i politici e cittadini ribadiscono il loro no alla riforma sanitaria voluta in Regione. Lo hanno fatto ieri sera a Tolentino, chiamati a raccolta dal sindaco Giuseppe Pezzanesi, che ha voluto fare il punto della situazione sullo stato di funzionamento delle strutture del territorio. Tra le criticità emerse, oltre alle difficoltà di riorganizzazione dei Punti di primo intervento e alle liste d’attesa ingolfate, il fatto che la nuova organizzazione della sanità abbia spostato arbitrariamente molte apparecchiature tecniche, spesso frutto di donazioni o raccolte fondi, senza tenere conto della destinazione voluta dai benefattori. A lanciare l’allarme per il comune di Fiuminata è il sindaco Ulisse Costantini, che avvisa che nella sua città non c’è più nemmeno la guardia medica con il rischio concreto che la zona si spopoli. Sulla querelle che da tempo contrappone il gruppo Uniti per l’ospedale di Tolentino e il concittadino e segretario regionale del Pd Francesco Comi, interviene il sindaco Pezzanesi: «per riacquistare credibilità, Comi dovrà apparire agli occhi degli elettori come l’ultimo e l’unico salvatore dell’ospedale di Tolentino – ha detto Pezzanesi – e quindi fare lo scatto al fotofinish. In questo caso saranno i cittadini a giudicare l’operato di alcuni politici “di professione”». Pezzanesi durante l’incontro ha anche mostrato la documentazione degli inviti «ufficiali e tempestivi» al governatore Ceriscioli alle iniziative istituzionali del Comune.

roberto pioli

Roberto Pioli ha partecipato all’incontro

Ma il sindaco di Tolentino non è l’unico a mostrare diffidenza nei confronti del Pd regionale. Nella nota diffusa dal comune di Tolentino dopo la riunione di ieri si evidenzia come molti degli intervenuti restino scettici «sulle scelte operate dal Pd, dagli annunci spot, discordanti tra loro sui progetti chiave di una sanità che oggi, più che mai, è precipitata nel caos totale delle decisioni, una sanità che non dovrebbe essere riservata ad un unico partito ma restituita in tutta la sua dignità ad ogni cittadino». Alla riunione hanno partecipato Giampiero Feliciotti, Presidente dell’Unione montana monti Azzurri, i sindaci dei comuni di Fiuminata, Ulisse Costantini, e Loro Piceno, Ilenia Catalini, oltre a rappresentanti dei comuni di Caldarola, Matelica e Cessapalombo. Assenti, tra gli altri, Cesare Martini sindaco di San Severino e Roberto Paoloni, primo cittadino di Belforte. Ha partecipato alla riunione anche Roberto Pioli, che ha interrotto oggi dopo un breve colloquio con Ceriscioli lo sciopero della fame, gruppi e comitati cittadini di Tolentino (Uniti per l’ospedale di Tolentino) e di San Severino (presente anche l’avvocato Massei, che ha curato il recente ricorso al Tar), il consigliere comunale di Macerata Anna Menghi, Barbara Cacciolari, la docente della cattolica di Roma Bruna Buresta e gli esponenti politici tolentinati di: Nuovo Centro Destra, Comunisti Italiani, Fratelli d’Italia, Forza Italia, Voce alla Città, Tolentino nel Cuore, Lega Nord e Democrazia Cristiana. Con loro anche alcuni operatori del settore. Di sanità si tornerà a parlare venerdì prossimo a Fabriano, quando si riuniranno gli Stati generali della montagna.

(Fe. Nar.)

riunione sanità tolentino

riunione sanità tolentino

riunione sanità tolentino

riunione sanità tolentino

incontro sanità tolentino

riunione sanità tolentino

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X