Gender, Irene Manzi:
“Firme per abrogare una legge
che ancora non esiste”

MACERATA - La deputata del Pd commenta il referendum depositato al Comune di Macerata: "
- caricamento letture
Irene Manzi

Irene Manzi

«Uno strano istituto di referendum abrogativo preventivo»: così Irene Manzi, deputata maceratese del Pd definisce la raccolta firme contro il gender che ha preso il via anche nel Maceratese (leggi l’articolo) torna a dire la sua sulla “Buona scuola” e sul disegno di legge Fedeli. 
«Una premessa è d’obbligo – scrive Manzi – visto che il disegno di legge in questione è ancora fermo in Senato ( basta dare un’occhiata al sito istituzionale) in attesa di esame, i proponenti sembrano aver introdotto uno strano istituto di referendum abrogativo preventivo ( da tenersi prima ancora dell’entrata in vigore di una legge) sicuramente meritevole di approfondimento da parte dei costituzionalisti, ma ancora non previsto nel nostro ordinamento.
Detto questo, penso sia il caso di avvertire quanti leggeranno o saranno contattati per sottoscrivere il referendum che – temo ( ma mi riservo di verificare)- saranno chiamati a firmare per abrogare la norma de La Buona Scuola ( questa, si, legge in vigore) che testualmente recita : ” Il piano triennale dell’offerta formativa assicura l’attuazione dei principi di pari opportunità, promuovendo nelle scuole di ogni ordine e grado l’educazione alla parità dei sessi, la prevenzione della violenza di genere e di tutte le discriminazioni al fine di informare e sensibilizzare gli studenti, i docenti e i genitori” sulle tematiche indicate dal Piano straordinario contro la violenza sessuale e di genere, che prevede l’adozione di specifiche azioni contro violenza e discriminazioni.
Questo dicono i testi di legge. Niente altro. Nessun proselitismo, nessuna fantomatica teoria. Questo è il testo che si vuole abrogare. Ognuno è libero di pensarla come vuole, ma, forse, un’operazione di chiarezza è quantomeno necessaria».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X