Il nuovo consiglio regionale:
ecco la divisione dei seggi

MARCHE 2020 - Raddoppia la rappresentanza della Lega: otto consiglieri ai salviniani, sette al Pd, sette a Fratelli d'Italia, due a Forza Italia e M5stelle, uno ciascuno a Udc, Civitas, Rinasci Marche e Italia Viva
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

seggi

 

Sono 1.574 su 1.576 le sezioni dove si è completato nella notte lo scrutinio in tutta la regione (ancora assenti solo i dati di due sezioni ad Ascoli ed Ancona) per definire il numero definitivo delle preferenze dei candidati governatori e dei singoli consiglieri. Se l’elezione di Francesco Acquaroli è certa e definitiva, meno definita è invece la situazione dell’attribuzione dei seggi. Sono diversi i casi in via di definizione, come ad esempio quello del sindaco di Macerata Romano Carancini che con sei voti in meno del collega di partito Micucci, rischia di restare fuori dall’assemblea legislativa.

 

elezioni-regionali-candidati

 

In totale sono 19 i nuovi consiglieri di maggioranza che affiancheranno il presidente Francesco Acquaroli per effetto del premio che scatta al superamento del 43% delle preferenze.

PresidenteAcquaroli

Il presidente Francesco Acquaroli

I restanti undici all’opposizione saranno divisi in 9 alla coalizione Mangialardi (compreso l’ex sindaco di Senigallia come secondo candidato alla presidenza) e 1 al M5stelle. Si ribaltano dunque i rapporti rispetto alla precedente legislatura con il centrodestra in maggioranza e la Lega che raddoppierebbe la rappresentanza con 8 consiglieri. Segue Fratelli d’Italia che ne elegge 7, Forza Italia con 2 e uno ciascuno a Civitas e Udc. Nel centrosinistra, resta la predominanza del Pd  che dovrebbe avere 7 seggi mentre uno andrà a Italia Viva (in forse per l’assegnazione a Mangialardi) e uno a Rinasci Marche. Passa da 5 a 2 la rappresentanza del M5stelle con il candidato presidente Gian Mario Mercorelli che rischia di rimanere fuori nonostante la candidatura come consigliere nel collegio di Macerata. La ripartizione territoriale prevede per Macerata 6 seggi, 4/5 al centrodestra e 1/2 alle opposizioni. Per quanto riguarda la circoscrizione di Macerata, per la Lega entrano l’ex senatore e attuale vice sindaco di Cingoli Filippo Saltamartini e il sindaco di Castelraimondo Renzo Marinelli, per Fratelli d’Italia ci sarà la consigliera uscente Elena Leonardi, il quarto posto è conteso tra l’assessore di Civitanova Pierpaolo Borroni di Fratelli d’Italia, l’ex sindaco di Camerino Gianluca Pasqui di Forza Italia e il sindaco di Tolentino Giuseppe Pezzanesi dei Civici. Nell’opposizione il Pd elegge il consigliere uscente e capogruppo Francesco Micucci dopo una lotta all’ultimo voto con il sindaco di Macerata Romano Carancini (solo sei i voti di differenza), con il calcolo dei resti da assegnare il sesto seggio.
Il più votato tra i candidati consiglieri è Andrea Biancani del Pd di Pesaro con 10.224 preferenze, segue Guido Castelli di FdI  che ha ad 8.611 ad Ascoli. Ancora Anna Casini del Pd Ascoli  ha raggiunto 7.954 preferenze. Il più votato della Lega è il consigliere uscente Mirco Carloni di Pesaro (6.827)

(redazione Cm)

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X