Referendum e Comunali, affluenza al 15%
Più indietro le Regionali con solo il 12,41%

I DATI delle 12 su quanti si sono recati alle urne. Foto dai seggi di Macerata. Per quanto riguarda le votazioni per il rinnovo dell'assemblea legislativa marchigiana non sono disponibili i dati del ministero dell'Interno ma solo quelli dalle Regione
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Elezioni_Seggi_2020-1-650x434

Uno dei seggi di Macerata

 

Mascherine, termoscanner, qualche coda. Sono iniziate stamattina alle 7 le votazioni di questa due giorni elettorali, segnate dalle misure anti Covid. Si vota per il referendum sul taglio dei parlamentari, per le Regionali per le Comunali. Alle 12 la prima rilevazione sui dati dell’affluenza: nel Maceratese hanno votato più persone per il referendum che per le regionali. Ecco i numeri nel dettaglio.

REFERENDUM –  Nelle Marche hanno votato il 14,9% degli aventi diritto: i 15,35% nell’Anconetano, il 13,34 nell’Ascolano, il 14% nel Fermano, il 14,78% nel Maceratese e il 15,69% nel Pesarese. Un dato, quello regionale, leggermente più alto di quello a livello nazionale Il referendum è stato indetto per approvare o respingere la legge di revisione costituzionale dal titolo “Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari”, approvata all’inizio di ottobre 2019 con il voto favorevole praticamente di tutti i partiti. Si è reso necessario dopo che 71 senatori di vari partiti hanno firmato la richiesta per indirlo. Si chiede agli elettori di confermare o meno il taglio dei parlamentari, che alla Camera passerebbero da 630 a 400 mentre al Senato scenderebbero da 315 a 200.

Elezioni_Seggi_2020-11-325x217

Code ai seggi a Macerata

REGIONALI – Innanzitutto va detto che il sito ufficiale del ministero dell’Interno si è dimenticato le Marche tra le regioni al voto: compaiono solo Campania, Liguria, Puglia e Veneto. E quindi al momento gli unici dati ufficiali sono quelli della Regione. Nel Maceratese l’affluenza (il dato è stato corretto dopo) è del 12,41% degli aventi diritto che si sono recati alle urne. Ascoli è al 12,32%, Fermo al 12,78%, Pesaro-Urbino al 14,62% , Ancona al 14%. Il dato regionale è del 13,43%. Alle urne sono chiamati 1.310.843 marchigiani in 1.576 seggi elettorali divisi nei 227 Comuni, dovranno eleggere il decimo presidente delle Marche e 30 consiglieri regionali tra i 510 aspiranti delle liste che appoggiano gli otto candidati governatori:  Francesco Acquaroli, centrodestra; Maurizio Mangialardi, centrosinistra; Gian Mario Mercorelli, M5s; Roberto Mancini,  ‘Dipende da noi’; Fabio Pasquinelli,  Partito Comunista; Sabrina Banzato, “Vox Italia”;  Alessandra Contigiani, “Riconquistare l’Italia” Fronte sovranista italiano; Anna Rita Iannetti, Movimento 3V (Vaccini vogliamo verità). La circoscrizione di Ancona eleggerà 9 consiglieri, quella di Pesaro 7, Macerata 6, Fermo 4, Ascoli Piceno 4, secondo quanto stabilito dalla legge elettorale delle Marche. Non sono previsti né il ballottaggio, né il voto disgiunto (cioè espresso a favore di un candidato consigliere e di un candidato a presidente non collegato alla lista stessa). È possibile invece esprimere una doppia preferenza, con alternanza di genere, nella stessa lista.

Elezioni_Seggi_2020-4-325x217COMUNALI -L’affluenza nei tre Comuni del Maceratese in cui si vota delle 12 è del 15,08%. A Macerata  è del 15,22%, a Petriolo dell’11,41% e a Ussita del 21,05%.  Nel capoluogo sono cinque i candidati sindaco e 551 (235 donne e 316 uomini) i candidati in corsa per la carica di consigliere comunale (saranno 32 gli eletti). Come per tutti i comuni superiori ai 15mila abitanti è previsto il ballottaggio (il 5 ottobre) se nessuno riesce a ottenere il 50% più uno dei voti. C’è anche la possibilità di voto disgiunto, ovvero votare per un candidato sindaco e per una lista (o candidato consigliere che non lo sostiene). È possibile esprimere una doppia preferenza, con alternanza di genere, nella stessa lista. La scheda elettorale sarà così composta:  Narciso Ricotta (centrosinistra); Alberto Cicarè (Strada Comune-Potere al popolo); Gabriele Micarelli (Macerata lavora); Roberto Cherubini (M5S); Sandro Parcaroli (centrodestra). A Petriolo . Qui la sfida è a due: da una parte il sindaco uscente Domenico Luciani con la lista Petriolo Domani, dall’altra Matteo Santinelli con Insieme per Petriolo. Infine a Ussita . Tre in corsa per la poltrona di primo cittadino: Monica Pierdomenico (Noi per Ussita, Ussita per tutti); Guido Rossi (Ussita 2020, insieme per la ricostruzione ed il futuro) e Silvia Bernardini (Progetto Ussita).

(Redazione Cm)

(foto di Fabio Falcioni)

Elezioni_Seggi_2020-18-650x434

Elezioni_Seggi_2020-19-650x434

Elezioni_Seggi_2020-20-650x434

Elezioni_Seggi_2020-21-650x434

Elezioni_Seggi_2020-22-650x434

Elezioni_Seggi_2020-14-650x434

 

Elezioni_Seggi_2020-5-650x434

Elezioni_Seggi_2020-9-650x434

Elezioni_Seggi_2020-7-650x434

Elezioni_Seggi_2020-2-650x434

Elezioni_Seggi_2020-3-650x434

Elezioni_Seggi_2020-23-650x434

Elezioni_Seggi_2020-24-650x434

In 8 per la corsa a governatore Niente ballottaggio e voto disgiunto Attesi alle urne 1,3 milioni di marchigiani

 

Macerata, primo turno La carica dei 551 candidati consiglieri



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X