facebook twitter rss

Sisma, 5 sindaci sul piede di guerra:
«O si sblocca la situazione
o consegneremo le fasce a Conte»

QUERELLE - Luca Maria Giuseppetti di Caldarola, Mauro Falcucci di Castelsantangelo sul Nera, Pietro Cecoli di Monte Cavallo, Mario Baroni di Muccia, Emiliano Nardi di Serravalle di Chienti e Massimo Citracca di Valfornace diserteranno la riunione a Roma convocata da Mangialardi
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
1K Condivisioni

Il sindaco di Castelsantangelo Mauro Falcucci durante la visita del premier Conte a settembre

 

«Tardiva, insignificante e dal tono pre-elettorale». Così i sindaci Luca Maria Giuseppetti di Caldarola, Mauro Falcucci di Castelsantangelo sul Nera, Pietro Cecoli di Monte Cavallo, Mario Baroni di Muccia, Emiliano Nardi di Serravalle di Chienti e Massimo Citracca di Valfornace definiscono la riunione convocata da Maurizio  Mangialardi, presidente Anci Marche per domani a Roma al Pio Sodalizio dei Piceni. I primi cittadini minacciano persino la riconsegna delle fasce tricolori al presidente del Consiglio Giuseppe Conte: «Il perdurare di questa situazione di stallo non può più essere sopportata. I sindaci non vogliono essere correi della totale incapacità della politica per le oggettive insufficienti misure approvate per la ricostruzione con il conseguente abbandono della montagna da parte della popolazione». E ancora sulla convocazione di domani precisano: «E’ tardiva perché iniziative collettive andavano fatte molto prima e anziché essere convocate a mezzo e-mail dovevano essere preventivamente concertate con incontri “veri” tra tutti i sindaci coinvolti. Insignificante perché Anci Nazionale e Regionale, le Regioni e alcuni sindaci sono stati auditi dalle Commissioni Parlamentari di Camera e Senato prima delle trasformazioni in Legge dei Decreti e fiumi di inchiostro in testi di revisioni elaborati dalla stessa Anci, dalle Regioni e dai sindaci sono rimasti totalmente inascoltati. Le popolazioni terremotate si sentono completamente dimenticate e offese per le promesse ricevute che sono rimaste totalmente disattese anche dopo la visita del presidente Conte a Castelsantangelo sul Nera».

Sisma, il 15 gennaio sindaci a Roma «Non lasceremo distruggere il centro Italia»

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X