Recanati, Simone Simonacci
candidato sindaco del centrodestra

- caricamento letture

 

IMG_0063-325x244

Simone Simonacci

 

Dopo la composizione della coalizione (Lega, Fratelli d’Italia e le civiche “In Comune”, “Obiettivo Recanati”, “Per una Recanati Migliore”) la coalizione di centrodestra annuncia il nome del candidato sindaco alle elezioni comunali di Recanati. Si tratta del 39enne Simone Simonacci che commenta così la sua scesa in campo:  «A Recanati è finita l’epoca di una politica miope, falsa e divisiva. Una politica che non ha alcuna visione strategica, non solo del futuro, ma anche del presente della città. La Recanati che ci riconsegneranno è impoverita, meno sicura, sempre più spopolata e sporca. I commercianti chiudono i battenti, il centro storico è inaccessibile e desolato, le periferie abbandonate a sé stesse, la microcriminalità crescente, il valore delle nostre case si è dimezzato. Ci si vanta dei numeri del nostro turismo, ridicoli rispetto alle nostre potenzialità. I nostri anziani sono imprigionati in un paese privo di servizi sanitari: ci hanno tolto l’ospedale e – guardando i dati demografici – tra un decennio non ci sarà più neanche qualcuno da curare, né tantomeno da far nascere. I giovani stanno fuggendo da questa città, la disoccupazione giovanile è ai massimi storici, le imprese disincentivate a investire. Mi sono quindi sentito in dovere di impegnarmi in questa avventura. Molti mi conoscono per il mio attivismo nel territorio e sanno che sono un uomo del fare e del buon senso. Ho girato il mondo per lavoro, in qualità di export manager e marketing specialist e ho avuto modo di accrescere le mie competenze. Avendo sempre creduto nella mia città, fatta di gente laboriosa, creativa e solidale, mi sento ora onorato di spendere la mia esperienza per la mia terra. Sono orgoglioso che il Centrodestra abbia visto in me una figura innovatrice e capace di unire. La squadra che mi sostiene ha l’esperienza necessaria, l’energia e le competenze per supportarmi in questo progetto, per far sì che da queste ceneri possa rinascere una città che funga da faro socioeconomico e culturale per tutti ed è interesse della stessa coalizione lasciare le porte aperte a chiunque voglia cambiare in meglio il destino di questa città. Ci hanno rubato la speranza a spese nostre ma è ora di dire basta, rimboccarsi le maniche e riprenderci ciò che ci hanno tolto, prima che sia troppo tardi».

La Lega unisce il centrodestra, il M5S correrà da solo

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X