Giungla sae, vittoria per 9 lavoratori:
«Riconosciuti più di 50mila euro»

SISMA - La Cgil dopo l'incontro con il consorzio Gips ha firmato i verbali di conciliazione per i dipendenti che avevano segnalato condizioni di lavoro irregolari nei cantieri delle casette: «Ci auguriamo che sia di stimolo per i tanti altri che conosciamo, in condizioni simili, ma che per vari motivi non riescono a far valere i propri diritti»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

cgil-sae-firma

Da sinistra Daniel Taddei e Massimo De Luca insieme ai nove operai con i verbali di conciliazione

di Federica Nardi

«Abbiamo firmato i verbali di conciliazione. Un grande successo che ha premiato il coraggio di questi lavoratori. Ci auguriamo che sia di stimolo per i tanti altri che conosciamo, in condizioni simili, ma che per vari motivi non riescono a far valere i propri diritti». Così Daniel Taddei, segretario provinciale della Cgil e Massimo De Luca, segretario della Fillea, al termine della riunione con il consorzio Gips, fissata dopo la denuncia di 9 operai romeni al lavoro nei cantieri delle casette per gli sfollati nel Maceratese che erano senza contratto o sottopagati.

USSITA-7-325x183

Alcune sae a Ussita

Segnalazioni che erano arrivate dopo che il sindacato a dicembre aveva scoperchiato, sempre grazie alla segnalazione di due operai (uno romeno e uno italiano), la “giungla delle sae”, con lavoratori fantasma, un infortunio non denunciato e sospetti di caporalato. Tra le scoperte del sindacato, che aveva scavato nelle scatole cinesi dei subappalti e reti di impresa, anche alcune ditte che figuravano in reti di impresa al lavoro nei cantieri ma che invece non risultavano dalla “White list”. I lavoratori che oggi hanno visti riconosciuti i loro diritti, come i due precedenti, lavoravano per la ditta Europa srl, una consorziata di Gips che a sua volta ha ottenuto il subappalto dal consorzio Stabile Arcale, aggiudicatario del maxi appalto per le casette nel 2015. Europa è uscita dal radar da dicembre e risulta, almeno dai tentativi della Cgil, irreperibile. Così Gips è subentrata per mettere in regola i lavoratori che hanno segnalato. «Hanno riconosciuto tutte le nostre richieste – dicono Taddei e De Luca -. Abbiamo firmato i verbali di conciliazione. La cifra recuperata è superiore a 50mila euro netti. Più tutte le competenze retributive e versamenti alle casse edili. Sono state riconosciute tutte le ore di straordinario e festivo. Anche loro hanno lavorato 7 giorni su 7». Con le casette ancora da terminare in molti cantieri della provincia, il pensiero va però alla ricostruzione vera e propria. «Se queste situazioni si verificano per le sae, il rischio è che con la ricostruzione vada anche peggio – dicono Taddei e De Luca -. La semplificazione prevista dal commissario moltiplica le stazioni appaltanti. I rischi diventano quindi sempre maggiori». Nel frattempo due procure, tra cui quella di Macerata, hanno aperto un’indagine sulle segnalazioni arrivate sia dalla Cgil che dalla rete di comitati Terremoto centro Italia. Anche l’Anac ha aperto un’indagine.

 

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X