Va a fare la visita un anno prima:
«Nella prenotazione non era indicato»

SANITA' - Un uomo di Corridonia questa mattina si è presentato puntuale all'ospedale di Civitanova: «Sono passato in accettazione, ho sbrigato le pratiche burocratiche poi sono andato in ambulatorio ma la porta era chiusa. Mi hanno detto che forse c'era stato un errore e alla fine ho scoperto che l'appuntamento, prenotato mesi fa, era per il 2023»
- caricamento letture

pronto-soccorso-ospedale-civitanova-FDM-9-650x488

 

Prenota la visita alcuni mesi prima, poi puntuale, questa mattina, si presenta in ospedale e non trova nessuno. Attende, poi cerca di capire, sente la dottoressa che lo doveva visitare che gli dice a Civitanova non fa visite di lunedì mattina, chiama il Cup e alla fine scopre che giorno, mese e ora erano corrette. L’anno però no, la visita era per il 2023.

«Quando avevo prenotato, mi avevano indicato giorno e ora (9 maggio alle 9,50, ndr) ma non l’anno, lasciandomi intendere fosse la data più vicina. Persino all’ospedale di Civitanova non si erano accorti dell’anno. Rimane l’amarezza di vedere un servizio approssimativo nei confronti del cittadino» dice l’uomo, di Corridonia, che ha segnalato la vicenda a Cronache Maceratesi chiedendo l’anonimato. L’uomo racconta che dopo aver prenotato «la visita alcuni mesi fa, questa mattina sono andato all’ospedale di Civitanova. Mi presento in orario e passo all’accettazione dove mi viene espletata la pratica burocratica. Tranquillo e sereno mi reco al relativo reparto. La porta è chiusa ma, penso, nulla di straordinario, ci sarà qualche paziente in visita. Passa il tempo e quindi vado a bussare ma, con sorpresa, la porta è chiusa a chiave ed ovviamente non c’è nessuno all’interno. Non solo: vedo un cartello affisso che indica come la dottoressa in questione effettui le visite di lunedì, ma solo di pomeriggio. Rimango in attesa, nel frattempo mia moglie torna all’accettazione chiedendo se ci fosse stato un nostro errore ma confermano tutto: la prenotazione è giusta anche se la cosa appare strana, le visite sono di pomeriggio. A questo punto cerco di mettermi in contatto con la dottoressa la quale, al telefono, mi dice che da quando lavora a Civitanova non ha mai effettuato visite il lunedì mattina, che forse avevano fatto un qualche tipo di errore e che dovevo rivolgermi direttamente all’ospedale. Torniamo in accettazione dove ci viene detto che non possono fare nulla, nemmeno una attestazione per il mio datore di lavoro che dimostri la mia presenza in ospedale per una visita medica. Suggeriscono solamente di parlare direttamente con la dottoressa (cosa già fatta) e che potevano unicamente darmi un nuovo appuntamento. Il più vicino sarebbe stato nel 2023». Solo in seguito, in una nuova telefonata al Cup, l’uomo ha scoperto che la visita ce l’aveva tra un anno.

(Redazione Cm)

I redditi 2021 dei dirigenti Asur, al vertice un cardiologo: supera i 200mila euro

«Non otto, ma 20 milioni di euro» Premi ai dirigenti: la Fvm diffida l’Av3



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X