Paolo Manciola svela i 16 candidati:
c’è anche l’ex vice di Montemarani

MORROVALLE - Presentati i 16 aspiranti consiglieri della lista Cura e Partecipazione, tra loro Alessandro Capozucca, già membro della giunta uscente, l'ex referente locale della Lega Rossella Ruani e il consigliere d'opposizione dell'ultima legislatura Marco Morresi. «Una squadra che unisce la passione di tante giovani menti all’esperienza di professionisti di alto livello. Otto donne e otto uomini che hanno scelto di spendersi al servizio dei morrovallesi»
- caricamento letture
paolo_manciola-e1630661388140-325x268

Paolo Manciola

 

Dopo aver annunciato ai cittadini il proprio candidato sindaco, Paolo Manciola, medico con laurea in medicina e chirurgia e già vicesindaco e assessore della giunta di Francesco Acquaroli, la lista “Cura e Partecipazione” presenta i sedici profili in lista alle elezioni amministrative di ottobre.  Una lista civica orientata verso il centrosinistra, con l’aggiunta dell’ex coordinatrice locale della Lega e dell’ex vicesindaco del primo cittadino uscente Stefano Montemarani. Si completa così il quadro delle squadre in campo che si sfideranno il 3 e 4 ottobre prossimi, dopo l’annuncio ieri dei 16 candidati di ViviAmo Morrovalle. «Dalle nostre prime uscite ufficiali e durante la stesura del programma, abbiamo voluto coinvolgere i cittadini nelle scelte che la prossima amministrazione è chiamata a prendere – dichiara il candidato sindaco – Vogliamo inaugurare un nuovo modo di amministrare, che, invece di far cadere le decisioni dall’alto, informa le persone e le invita ad apportare attivamente il proprio contributo per il miglioramento del nostro Comune. Ogni candidato della nostra lista – prosegue Manciola, – condivide questa visione e i temi e i contenuti del programma di Cura e Partecipazione, a prescindere dalle proprie appartenenze partitiche, secondarie rispetto alla priorità di impegnarsi per il bene e le esigenze di Morrovalle. Siamo felici di presentare oggi ai nostri concittadini una squadra che unisce la passione di tante giovani menti all’esperienza di professionisti di alto livello. Otto donne e otto uomini che hanno scelto di spendersi al servizio dei cittadini morrovallesi». Ecco i 16 candidati di Cura e Partecipazione. Francesco Sopranzi, consulente assicurativo e previdenziale, laureato in lettere moderne e già presidente del Fool Festival di Morrovalle: La volontà e la capacità, da parte di numerosi giovani, di creare un progetto politico importante e a lungo termine, come Cura e Partecipazione, dimostra la passione delle ragazze e dei ragazzi verso il proprio territorio”, sottolinea Sopranzi. Rosaria Garbuglia, commercialista e presidente dell’Ordine dei dottori commercialisti ed esperti contabili di Macerata e Camerino, con laurea in economia e commercio, che commenta: «Mi hanno molto colpito la passione per la nostra città e la serietà del progetto, volto a migliorare il territorio e la vita dei cittadini morrovallesi. La trasparenza e l’onestà intellettuale che ho trovato nel gruppo Cura e Partecipazione mi appartengono e ho aderito convintamente con spirito di servizio, mettendo a disposizione il mio tempo e le mie competenze». All’interno della squadra, l’ingegnere e insegnante all’IIS Mattei di Recanati, Valentino Quagliatini, dottore in ingegneria civile edile e Sara Tiburzi, assistente sociale con laurea magistrale in politiche sociali.

rossella-ruani

Rossella Ruani

Nei sedici candidati anche Alessandro Capozucca, ex direttore della sede Inps di Fermo e già vicesindaco di Stefano Montemarani, Elisa Paolucci, dottoressa in scienze della formazione primaria e Silvia Dalloro, impiegata nel settore alimentare, con diploma di analista contabile. «Il carattere civico e la sensibilità dimostrata dai membri di Cura e Partecipazione nei confronti del sociale, ambito che mi vede impegnata da anni in prima persona – evidenzia Dalloro, – sono stati elementi centrali nella scelta di aderire a questo progetto e offrire impegno e dedizione». Fra i membri fondatori di Cura e Partecipazione, Francesco Di Giacomi, educatore socio-pedagogico, da tempo attivo con iniziative di sensibilizzazione verso i temi della sostenibilità e del sociale, e Andrea Ciampechini, dottore magistrale in scienze filosofiche. «Già nel nome – spiega Ciampechini, – è contenuta l’idea di fondo che anima il progetto: la volontà di prendersi cura con costanza del nostro paese, promuovendo una partecipazione attiva dei cittadini. Per queste ragioni è essenziale valorizzare il patrimonio storico e culturale di Morrovalle, favorendo il suo sviluppo turistico». Parteciperanno alle elezioni nella lista di Cura e Partecipazione Lucia Bordi, laureata in biosciences and biotechnology, Rosella Ruani, ex referente locale della Lega, perito tecnico commerciale, impiegata nella propria azienda di famiglia e presidente del collegio dei revisori dell’associazione province marchigiane, e Luigi Salvucci, perito industriale e collaboratore familiare in tabaccheria. Candidate anche Aurora Morroni, barista diplomata all’Istituto alberghiero Einstein Nebbia e Selene Polinesi, dottoressa in servizi sociali e lavoratrice autonoma. Completano la lista Marco Morresi, consigliere uscente d’opposizione del gruppo “Un nuovo germoglio”, manager aziendale, e uno dei promotori del gruppo, Francesco Puggioni, giornalista praticante, laureato in scienze politiche sociali e internazionali e specializzando in giornalismo. «Quella intrapresa da Cura e Partecipazione – afferma Puggioni, è una sfida ambiziosa, che mette al centro competenze, voglia ed esperienza. Con l’obiettivo di sbloccare il potenziale di una città, Morrovalle, che presenta nel suo piccolo molte opportunità e altrettante potrà offrirne in futuro». E intanto la Ruani continua con la polemica a distanza con i vertici del suo ex partito, dopo l’espulsione decretata proprio per aver scelto il candidato di centrosinistra. «Non accettiamo affronti da chi predica bene e razzola male – replica al segretario provinciale del Carroccio Simone Merlini –  i referenti della Lega non hanno mai incontrato iscritti e simpatizzanti locali, non ne conoscono opinioni ed esigenze, e non siamo mai stati chiamati ad un confronto costruttivo. Il mio unico interesse è il bene di Morrovalle, e tutte le scelte che faccio vanno in questo senso. Respingo al mittente le accuse rivolte alla mia persona, poiché ho sempre agito per ciò in cui credo; forse l’errore da me commesso è stato quello di confidare nel sostegno del partito. Continuerò comunque ad essere una donna di destra, che combatte per il bene del suo territorio e della sua città, e non sarà di certo una espulsione a farmi ritirare dall’attività politica». 

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X