Cantieri al via, Legnini a Camerino
«La ricostruzione parte da qui»

4 MAGGIO - Riprenderanno i lavori, ad annunciare la visita del commissario straordinario nella città ducale il sindaco Sandro Sborgia: «Far partire il cantiere più grande d'Europa è un modo per rilanciare anche l'economia nazionale»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

Il commissario Giovanni Legnini

 

di Monia Orazi

Ripartono i cantieri della ricostruzione post terremoto e lunedì 4 maggio il commissario alla ricostruzione Giovanni Legnini inizierà da Camerino il suo tour nelle zone marchigiane del cratere. Ad annunciarlo il sindaco di Camerino Sandro Sborgia. «In occasione della ripartenza dei cantieri il commissario straordinario sarà in visita a Camerino, per vedere lo stato in cui si trova la città, sarà anche l’occasione- aggiunge il primo cittadino – di parlare della ricostruzione e dei cantieri attivi e da avviare. Per noi è una bella notizia possiamo dire che la ricostruzione riparte da Camerino».

Il sindaco Sandro Sborgia

Domani sono molto attese le ordinanze che saranno approvate in cabina di coordinamento da Legnini ed i vicecommissari presidenti di Regione. «Una delle ordinanze – aggiunge Sborgia – riguarderà la redazione dei piani speciali di ricostruzione previsti nel decreto sisma, che vanno in deroga a diverse norme, accelerando così l’iter burocratico della ricostruzione. Sono molto importanti perché in caso di danno diffuso, permettono di velocizzare la ricostruzione, consentendo un’organizzazione dei cantieri in modo logico e coordinato». Da mesi Sborgia insiste su una partenza efficace della ricostruzione privata, in modo da farne un volano economico per il territorio: «Far partire la ricostruzione nel cantiere più grande d’Europa, è un modo per rilanciare anche l’economia nazionale che già soffriva di una forte crisi economica – sottolinea – ed ora è alle prese con le conseguenze del Covid-19. Il commissario Legnini è su questa linea, la ricostruzione nell’area del cratere può riattivare il motore economico del paese. Se questo sarà condiviso dal Governo, si potrebbe chiedere l’inserimento delle norme nel decreto Genova, che darebbero impulso ed avvio alla ricostruzione in tempi ragionevoli».

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X