facebook twitter rss

Mangialardi: «Sisma resti in agenda politica,
un’emergenza nell’emergenza»

- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

33 Condivisioni

 

Maurizio Mangialardi con il Giovanni Legnini, nuovo commissario alla ricostruzione

 

Ricostruzione pubblica e privata, personale a disposizione dei comuni, struttura commissariale e ripartenza economica. Ecco i 5 temi discussi in video-conferenza dal coordinamento nazionale delle Anci terremotate presieduto da Maurizio Mangialardi, presidente di Anci Marche e coordinatore nazionale dei presidenti delle Anci regionali alla presenza dell’onorevole Giovanni Legnini, Commissario alla Ricostruzione.

Sul tavolo la necessità che, pur dovendo fare i conti con l’emergenza Coronavirus, il Sisma 2016 resti un tema di attualità nell’agenda politica. «L’Anci – ha detto Mangialardi nell’introdurre l’incontro – è attiva sui due fronti, quello del Coronavirus e quello del Sisma anche considerando che i 130 comuni di 4 regioni già colpiti dal sisma del 2016 ora devono fare i conti con questa drammatica emergenza sanitaria e quindi necessitano di ulteriore attenzione».

«Per questo – ha aggiunto – è molto significativa la presenza di tutto il coordinamento che riuniremo nuovamente con cadenza periodica per dare continuità all’azione congiunta con il Commissario». L’On. Legnini ha evidenziato le difficoltà nella ricostruzione pubblica e privata alla luce delle disposizioni per il contenimento del contagio che ha fermato i cantieri. «E’ molto importante – ha detto il Commissario – inquadrare nel suo complesso la situazione della ripartenza economica post sisma con quella post Coronavirus e dotare i comuni del personale necessario per adempiere a tutti gli obblighi e far partire i lavori di ricostruzione appena si potranno riaprire i cantieri». «L’auspicio – ha concluso Mangialardi al termine della riunione giudicata molto positivamente – è che le istanze che stiamo raccogliendo anche grazie al lavoro del Commissario possano essere accolte all’interno del decreto che il Governo predisporrà nel mese di Aprile e che mirano a semplificare le norme e a snellire le procedure per la ricostruzione che è quanto Anci chiede ormai insistentemente appena terminata la fase emergenziale».

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X