Strage di Corinaldo, altri due indagati:
sono un dj e un buttafuori

NELL’INDAGINE entrano Marco Cecchini e Gianni Ermellini. I loro nomi emergono dal conferimento dell’incarico per svolgere un sopralluogo alla discoteca Lanterna Azzurra
- caricamento letture

ac999aa_0-1-650x430

 

Inchiesta per la strage di Corinaldo, ci sono altri due indagati. Si tratta di Marco Cecchini, uno dei dj del locale (figlio di Quinto Cecchini, uno dei soci della Magic srl, che gestiste la discoteca Lanterna Azzurra), e di Gianni Ermellini, di Rimini, addetto alla sicurezza. L’accusa è la stessa rivolta agli altri indagati: concorso per omicidio colposo aggravato. Per la strage alla Lanterna Azzurra avvenuta nella notte tra il 7 e l’8 dicembre scorsi in cui morirono 6 persone sono 10 gli indagati ad oggi: 9 adulti e un 17enne ritenuto la persona che spruzzò lo spray in discoteca. I nomi dei due nuovi indagati sono emersi dal conferimento dell’incarico a due periti: Costanzo Di Perna, ingegnere, docente di Fisica tecnica ambientale di Univpm, e colonnello Marcello Mangione, ingegnere del comando generale dell’Arma dei carabinieri. Il primo sopralluogo si svolgerà domani. Saranno supportati dal Racis e dovranno tra l’altro verificare la presenza del principio attivo del peperoncino nel locale.

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X