Il ministro Salvini a Corinaldo:
«Chi sbaglia paga»

TRAGEDIA IN DISCOTECA - Visita del vicepremier nella discoteca. «Se verrà fuori che c’era anche solo una persona più di quanto consentito ci saranno provvedimenti. Qui per testimoniare la vicinanza alla comunità»
- caricamento letture

WhatsApp-Image-2018-12-08-at-17.55.52-1-650x488

Il vicepremier Salvini a Corinaldo

 

Un sopralluogo all’interno della discoteca Lanterna Azzurra e poi sul retro del locale dove ha ceduto la balaustra. Il ministro dell’Interno e vicepremier Matteo Salvini questo pomeriggio ha raggiunto Corinaldo dove nella notte sei persone sono morte e una settantina sono rimaste ferite (alcune in modo grave) durante il concerto di Sfera Ebbasta. Salvini ha sottolineato che «chi sbaglia paga» e che si sta lavorando per capire chi, come e perché abbia causato questo disastro.

WhatsApp-Image-2018-12-08-at-17.55.53-1-400x300«Se di gas o spray si è trattato – ha detto il vicepremier –, chi lo ha tenuto e perché lo ha usato. Stiamo approfondendo cosa ha scatenato il panico. Lo spray al peperoncino è uno strumento di difesa, come il mattarello che si usa per stendere la pasta. Non deve essere usato per stupidi scherzi. Cercheremo di capire cosa è successo». Il ministro dell’Interno ha poi parlato della questione della capienza del locale «con 3 sale e capienza di 870 persone, l’evento si svolgeva in una sala con capienza di 469, sono stati stampati 1.600 biglietti e venduti 1.400. Difficile dire chi era dentro, fuori o chi non è venuto. Certamente se dagli accertamenti emergerà la certezza che c’era anche una sola persona in più rispetto al consentito, saranno adottati provvedimenti». Il vicepremier ha concluso «Sono qui a testimoniare la mia vicinanza alla comunità, volevo vedere i luoghi e toccare con mano la situazione». Presenti nel corso della visita questore e vertici delle forze dell’ordine, il procuratore Garulli e il procuratore generale Sergio Sottani, i pm Gubinelli e Giovanna Lebboroni e il sindaco Matteo Principi. Salvini sul decreto sicurezza «porta più ordine e regole stringenti su chi può entrare, ma non può prevenire eventi come questo che accadono per una serie di concause. Non possiamo mettere poliziotti in ogni discoteca o metropolitana, ognuno sta alla propria coscienza. Le regole ci sono».

(Ta. Fr.)

WhatsApp-Image-2018-12-08-at-17.55.53-650x488

WhatsApp-Image-2018-12-08-at-17.55.47-650x488

WhatsApp-Image-2018-12-08-at-17.55.48-650x488



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X