Rata, per la nuova società
necessario incontro Carancini-Tavecchio

CAOS BIANCOROSSO - Il gruppo locale, composto dall'imprenditore Maurizio Mosca, dall'avvocato Gabriele Cofanelli, dai commercialisti Berrè si è incontrato questa mattina. Serve però che il presidente della Figc dia il suo assenso a far ripartire la Maceratese dall'Eccellenza, su questo sarà necessario un intervento del sindaco. Creare un club in serie inferiori avrebbe invece poco senso vista la presenza di un'altra squadra cittadina, l'Helvia Recina
- caricamento letture
tavecchio

Carlo Tavecchio

 

di Mauro Giustozzi

O il presidente della Figc Tavecchio concederà alla nuova Maceratese di ripartire dall’Eccellenza oppure difficilmente nascerà una società biancorossa sulle ceneri di quella cancellata pochi giorni fa. Non sembrano esserci vie di mezzo, anche perché l’allocazione di un nuovo club nelle categorie inferiori, tipo Promozione, cozzerebbe con l’esistenza già di una società cittadina, l’Helvia Recina, militante in quel torneo. Questa mattina ennesima riunione del gruppo locale capitanato da Maurizio Mosca con i vari Cofanelli, Berrè, Gagliardini per esaminare il quadro della situazione attuale e soprattutto le future mosse. Che, ancor prima della costituzione della nuova società, prevedono un necessario contatto tra il presidente della Federazione italiana gioco calcio, Carlo Tavecchio, ed il massimo rappresentante della città, il sindaco Romano Carancini.

mosca_cofanelli

Maurizio Mosca e l’avvocato Gabriele Cofanelli

Senza questo incontro, dal quale dovranno scaturire decisione sul futuro del football in città, sarebbe del tutto inutile qualsiasi altro passaggio successivo, ad iniziare dalla costituzione di una nuova società sulle ceneri di quella esclusa dalla serie C. Qualche contatto informale sembra già esserci stato tra i vertici Figc e rappresentanti comunali. L’incontro tra i membri della cordata locale è servito anche per stilare una specie di cronoprogramma che ha il suo punto di partenza in lunedì 24 luglio, quando scadranno i termini di iscrizione al torneo di Eccellenza. Da quel momento la nuova Maceratese, che non ha alcun diritto federale di disputare quel torneo, per poter essere iscritta dovrà avere il via libera solamente dal massimo esponente della Figc, cioè appunto Tavecchio, alla cui decisione si dovrà poi adattare il presidente regionale Cellini. Ma, ovviamente, a perorare la causa del calcio cittadino in questa fase, come accaduto peraltro in altre città che hanno vissuto in passato o stanno vivendo ora una simile situazione di quella della Rata, dovrà essere il massimo rappresentante istituzionale, cioè il sindaco. Diciamo pure che Maurizio Mosca potrà essere lo ‘sherpa’ cioè colui che può costruire un ponte verso Tavecchio in nome dell’amministrazione comunale ma poi spetterà in prima persona a Carancini incontrare il numero uno della Figc, far valere il peso istituzionale che rappresenta e riuscire così a strappare la decisione di un inserimento in sovrannumero della nuova Maceratese in Eccellenza.

StagioneLirica2017_Carancini_FF-650x511

Il sindaco Romano Carancini

Percorso non così scontato ma pieno anche di difficoltà da superare, come la diffidenza del mondo del calcio dopo quanto accaduto negli ultimi otto mesi a Macerata. Sotto questo aspetto, proprio la figura di garanzia di Carancini dovrebbe essere un punto a favore della nuova società che si andrà a costituire. La prossima settimana, sotto questo aspetto, sarà decisiva perché i tempi sono sempre più corti anche per creare, dal nulla, un organigramma societario e tecnico con delle figure ben individuate ad occupare le varie caselle completamente vuote al momento. Di questo aspetto dovrebbe interessarsi poi Maurizio Gagliardini che, già all’epoca della Tardella, ricoprì questo ruolo in società prima di essere epurato. Anche sul fronte squadra e allenatore tutto in stand-by. E’ evidente che dei contatti informali ci siano stati ma questa incertezza che regna attorno al futuro biancorosso non consente di poter fermare calciatori che potrebbero fare al caso della nuova società. Il rischio è quello che, mentre altrove i club di Eccellenza hanno completato gli organici e stanno disputando preparazione e prime amichevoli a Macerata si debba ancora iniziare il calciomercato. Ma, forse, questo è l’aspetto che al momento preoccupa di meno sia il gruppo di finanziatori che una tifoseria dilaniata dagli strascichi di quanto accaduto fino a pochi giorni fa.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X