La Maceratese riparte da Termoli
“L’assegno della Civitanovese
pagato con 11 giorni di ritardo”

SERIE D - Sono 117 i biglietti a disposizione da domani per seguire i biancorossi nella trasferta molisana. Mister Magi dovrà fare a meno del difensore Garaffoni, squalificato. La società interviene con una nota stampa sul caso dell'incasso del derby: "Il pagamento è incompleto, manca la penale del 10%. Segnaleremo questa spiacevole vicenda alla Lega Dilettanti"
- caricamento letture
La tifoseria della Maceratese

La tifoseria della Maceratese

di Andrea Busiello

Saranno 117 i biglietti a disposizione dei tifosi biancorossi per la 4^ giornata di ritorno che vedrà la Maceratese scendere in campo al “Gino Cannarsa” di Termoli dopo la vittoria nel derby contro la Civitanovese e il riposo della settimana scorsa. Poiché la società molisana non ha fatto pervenire i tagliandi alla segreteria della Maceratese, si renderà necessaria una prenotazione nominativa. Domani (venerdì) dalle 16 alle 19, alla sala stampa dell’Helvia Recina, e dopodomani, sabato 7 febbraio, alla sala stampa o direttamente alla biglietteria dell’Helvia Recina, dalle 10 alle 19 e comunque fino all’esaurimento dei 117 tagliandi, sarà possibile prenotare il biglietto per la trasferta di Termoli, fornendo le proprie generalità ed i 12 euro del costo dello stesso. Esibendo la ricevuta di prenotazione alla biglietteria del Cannarsa di Termoli, domenica 8 febbraio, sarà quindi possibile ottenere il biglietto d’ingresso.

Mirko Garaffoni

Mirko Garaffoni

La decisione della prevendita, di fatto nominativa, di 117 biglietti per i supporters biancorossi, è stata presa dal Prefetto della Provincia di Campobasso a seguito della previsione da parte della Questura molisana dell’arrivo al Gino Cannarsa di 200 tifosi della Maceratese che non avrebbero potuto trovare accesso allo stadio appunto per la decisione della società termolese di riservare ai tifosi ospiti il numero esiguo di 117 biglietti. In vista della sfida in casa della formazione molisana mister Magi dovrà fare a meno di Mirko Garaffoni per squalifica. Il suo posto dovrebbe essere preso da Alessio Petti, difensore acquistato nel mercato di riparazione dalla società biancorossa. Per il resto il tecnico pesarese manderà in campo Fatone (o Saitta) tra i pali; Cordova, Marini e D’Alessio in difesa; Croce, Romano e De Grazia in mediana con il solito tridente composto da D’Antoni, Ferri Marini e Kouko. L’occasione per allungare in classifica è ghiotta visto che il Termoli è in piena zona play out ed ha solo quattro punti di vantaggio sul Celano ultimo in classifica ma i biancorossi non dovranno abbassare la guardia. Un eventuale successo della Maceratese e un pareggio nel big match Fano-Samb potrebbe portare la formazione biancorossa a +8 sulle seconde: una sorta di ipoteca sulla vittoria finale del campionato.

***

La presidentessa della Maceratese Maria Francesca

La presidentessa della Maceratese Maria Francesca

A dieci giorni di distanza dal derby vinto contro la Civitanovese, la presidente Tardella torna a parlare della vicenda legata all’incasso dei biglietti venduti nel settore ospiti: “La Maceratese Calcio, nella persona della presidente Maria Francesca Tardella, è finalmente in grado di rendere noto, dopo complesso e tribolato iter, l’esito della modalità di pagamento scelta dalla Civitanovese per corrispondere alla scrivente società quanto incassato fin dal 24 gennaio per la prevendita dei biglietti per l’accesso allo stadio Helvia Recina dei tifosi ospiti. L’accordo sottoscritto dalle due società il 21 gennaio prevedeva l’obbligo della Civitanovese di consegnare alla Maceratese prima dell’inizio della gara di domenica 25 gennaio il controvalore in denaro dei biglietti venduti (risultati poi essere 772). Contravvenendo ai patti, la Civitanovese ha invece trattenuto indebitamente il denaro ricavato dalla prevendita, comunicando solo all’immediata vigilia dell’incontro che avrebbe consegnato un assegno bancario in luogo del contante. La Maceratese non ha mai autorizzato, né accettato tale arbitraria iniziativa, motivo per cui si è reso necessario l’intervento dei propri legali, avvocati Giancarlo e Massimo Nascimbeni, che prima dell’inizio della gara hanno redatto un verbale, sottoscritto dai segretari delle due società, attestante la consegna di un assegno di euro 9.264,00 a firma illeggibile che il segretario della Civitanovese riferiva appartenere al signor Luciano Patitucci.

L'avvocato Giancarlo Nascimbeni

L’avvocato Giancarlo Nascimbeni

La Maceratese riceveva il titolo al salvo buon fine senza accettazione della diversa modalità di pagamento rispetto ai patti. L’assegno presentato all’incasso, l’indomani, dalla scrivente società è risultato tratto su un conto corrente bancario intestato a società ad essa sconosciuta, che mai ha intrattenuto rapporti con la Maceratese Calcio, ovvero tale Edilvalery S.r.l.. Con stupore questa società il 29 gennaio apprendeva l’esito impagato del titolo con conseguente addebito dell’insoluto in conto corrente. Soltanto oggi, a distanza di ben 11 giorni dalla data in cui la Civitanovese avrebbe dovuto consegnare l’incasso della prevendita, l’importo di €.9.264,00 risulta accreditato per il solo valore nominale del titolo, senza gli ulteriori oneri accessori dovuti per legge a ragione del tardivo pagamento dell’assegno (penale pari al 10% dell’importo nominale dell’assegno, interessi di mora e spese di insoluto)Per quanto sopra il pagamento risulta ancor oggi incompleto e si rimane quindi in attesa di ricevere il versamento nei termini di legge dei suddetti importi. Questa spiacevole vicenda verrà segnalata, per sua doverosa conoscenza, alla Lega Nazionale Dilettanti avuto riguardo alla arbitraria iniziativa della Civitanovese di trattenere il denaro contante corrispondente alla vendita di 772 biglietti, scegliendo una diversa modalità di pagamento che ad oggi per i motivi sopra esposti risulta non ancora completato da parte di chi in sua vece ha assunto l’obbligazione”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X