Ballottaggio: Città Futura chiede il sostegno all’elettorato 5 Stelle

POTENZA PICENA - "Osservazioni alle iniquità del piano regolatore e proposta per l'istituzione delle borse lavoro per disoccupati. Anche queste sono le scelte che ci differenziano dalle destre". Così la lista civica di sostegno a Cavalieri chiede il voto al M5S in vista della sfida di domenica
- caricamento letture
Attivisti e candidati di Città Futura espongono cartelli contro la cementificazione a Semprini di Potenza Picena

Attivisti e candidati di Città Futura espongono cartelli contro la cementificazione a Semprini di Potenza Picena

 

“Città futura” lista di sostegno al candidato del centrosinistra Fausto Cavalieri al ballottaggio con Francesco Acquaroli per il comune di Potenza Picena, si adopera, in vista dell’appuntamento di domenica prossima 8 giugno, alla ricerca di voti anche tra le fila del M5S. In un comunicato gli esponenti della lista civica dichiarano di aver depositato in comune delle osservazioni che tagliano considerevolmente lottizzazioni e cementificazioni dell’attuale piano regolatore. A questo aggiungono che prima del voto depositeranno una proposta di delibera, già portata avanti anche durante la campagna elettorale, sull’istituzione di borse lavoro per disoccupati, cassaintegrati o lavoratori autonomi che hanno cessato l’attività. «Una delibera che a prescindere dal voto- si legge nel comunicato- dovrà approdare nel nuovo consiglio comunale e che altri comuni come Macerata (leggi l’articolo), hanno già approvato».
Nel comunicato, a seguito di queste dichiarazioni si arriva ad un appello chiaro, con cui i componenti della lista, si rivolgono all’elettorato del terzo candidato, l’esponente del Movimento Cinque Stelle, Franco Senigagliesi, chiedendo il voto per Cavalieri:  «Sono anche queste le scelte che fanno la differenza fra noi di “Città Futura” e le destre, sono queste le scelte per le quali chiediamo agli elettori che hanno votato il M5S e il candidato Senigagliesi di votare Fausto Cavalieri». 1435 voti, quelli raccolti al primo turno da Senigalgliesi, che potrebbero, insieme ai numerosi astenuti (971 i votanti in meno rispetto al 2009) decretare il successo definitivo dell’una o dell’altra parte ancora in gara. Una situazione tutta da giocare, dunque, come ha ricordato il candidato di centrodestra, Acquaroli  (46,66% al primo turno contro il 36,39 di Cavalieri) che al dibattito pubblico dei giorni scorsi al teatro Divina Provvidenza di Porto Potenza (leggi l’articolo) ha dichiarato:« Si riparte dallo zero a zero».

(cla. ri.)

Articoli correlati

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X