Andrea Corvatta, nel cuore della finanza
A 26 anni lavora alla Bce

MACERATESI NEL MONDO/28^ puntata - Il giovane laureato alla Bocconi è un “Research Analyst" alla Banca Centrale Europea a Francoforte sul Meno: "Fiero di essere qui, ma spero di tornare ai miei affetti"
- caricamento letture
Andrea Corvatta

Andrea Corvatta

 

La nuova BCEdi Maria Cristina Pasquali

Incontriamo Andrea  Corvatta, maceratese classe 1988. Vive a Francoforte sul Meno da settembre 2012 dopo aver conseguito la laurea triennale in Economia e Finanza e quella specialistica in Finanza (in lingua inglese) presso l’università Bocconi di Milano, nel 2012. Lavora alla Banca Centrale Europea (Bce) con il ruolo di “Research Analyst”. Dalla sua intervista si evince chiaramente che essendosi preparato per una carriera internazionale sta all’estero esclusivamente per lavoro e ritorna spesso a Macerata per motivi sentimentali, nel futuro vorrebbe rientrare in Italia. Non si vive solo di lavoro. Il nodo cruciale di alcune persone che si recano all’estero per lavoro è proprio questo. Non è facile vivere da soli e non è facile mantenere una relazione a distanza a meno che non si incontri l’altra metà “sur place”. E se ci si sposta da una parte all’altra ancora peggio. Per tale motivo, se l’esperienza all’estero è un trampolino di lancio per la carriera è meglio farla da giovani  come sta facendo Andrea e pensare, più tardi, a formare una famiglia. Comunque bisogna essere in grado di cavarsela da soli. Meno male che internet e telefonini ci vengono in aiuto a  tenere vivi i nostri contatti!

Il grattacielo della Bce

Il grattacielo della Bce

Come è stata l’esperienza alla Bocconi di Milano? «La Bocconi di Milano è un ambiente, caratterizzato dalla presenza di molti studenti stranieri e l’ambito in cui mi stavo specializzando mi  ha preparato ad avere una carriera internazionale. Durante i cinque anni in Bocconi mi sono state offerte molte opportunità di conoscenze all’estero. Ne ho approfittato per avere due esperienze di studio di quattro mesi ciascuna, prima a Los Angeles poi a Barcellona.»

andrea corvatta (Fiume Meno)Come sei arrivato alla Banca Centrale Europea (Bce)? «Al termine del mio penultimo anno di università sono riuscito finalmente ad avere la mia prima esperienza di lavoro, per la quale mi ero molto impegnato durante i precedenti anni: uno stage di dieci settimane da giugno a fine agosto 2011 a Londra, presso la banca di investimento Barclays Capital. A seguito di questa esperienza, però, sono tornato a Milano senza un’offerta di lavoro per l’anno successivo, a causa di due fattori: da un lato, i ritmi frenetici di lavoro mi avevano portato a ripensare se continuare su quella strada; e dall’altro, la forte crisi del debito in Europa di quei mesi non favoriva le assunzioni. Dopo diverse “applications” inviate online, e vari colloqui, sono riuscito ad ottenere finalmente un altro stage, questa volta presso la Bce, dove lavoro tuttora. Mi sento fiero di lavorare in questa istituzione e di dare ogni giorno il mio meglio per la mia nazione: l’Europa. Il motivo che mi ha spinto a lasciare l’Italia è stato la ricerca di un lavoro che potesse rispondere alle mie aspettative e all’impegno universitario; infatti, nonostante avessi inviato anche tante domande di lavoro per l’Italia, non avevo ottenuto alcuna offerta di impiego. Dal mio punto di vista, purtroppo, il nostro paese non è altrettanto meritocratico quanto altri.»

Il duomo di Francoforte

Il duomo di Francoforte

Francoforte è una città interessante? Come ti sei organizzato? Che tipo di difficoltà hai incontrato? «Francoforte sul Meno è una città sicuramente multiculturale. E’ il centro finanziario della Germania e uno dei principali in Europa e ospita le sedi centrali di molte istituzioni finanziarie nonchè la Borsa più importante in Germania. Il suo aeroporto è uno dei più grandi e trafficati al mondo. A Francoforte si svolgono anche molte fiere, tra le quali si contano le più importanti in Europa (per esempio, il Salone dell’auto). Dopo aver condiviso un appartamento con un mio collega di lavoro, un paio di mesi fa ho deciso di trasferirmi in un piccolo appartamento situato non troppo distante dal centro, dove vivo da solo. Il costo della vita in questa città è elevato e comparabile a grandi realtà come Londra. Soprattutto i costi delle case e degli affitti sono molto alti. Trovo Francoforte una città vivace, anche se al tempo stesso, presenta molti spazi verdi (parchi e una vasta foresta a Sud) che mi permettono di rilassarmi e andare a correre nei weekend. Nel complesso, mi piace vivere in questa città, anche se non posso nascondere delle difficoltà. La lingua è una di queste: anche se i tedeschi di questa città si sono adattati alla multiculturalità e quasi chiunque parla, almeno un po’, l’inglese, comunque mi sento a disagio quando mi confronto con la mia vita quotidiana al di fuori del mio ambito lavorativo.»

Frankfurt Skyline CORV 1Torni spesso a Macerata? «Mi piace tornare almeno una volta al mese alle mie origini. Mi mancano la mia famiglia, i miei amici e, soprattutto la mia ragazza, Elena, con la quale sono fidanzato da più di quattro anni. Inoltre, mi manca il cibo italiano che non è paragonabile a quello tedesco. A Francoforte ci sono numerosi ristoranti italiani, anche se sono sono più costosi e non si mangia bene come in Italia. Mi mancano anche il sole e le estati passate al mare tra le bellissime spiagge della nostra costa adriatica.  Mi sento soddisfatto a livello professionale per i risultati che ho raggiunto e che sto raggiungendo, lavorare e vivere all’estero è un’esperienza molto formativa, ma in futuro mi piacerebbe poter tornare in Italia e riavvicinarmi ai miei affetti.»

Romerberg

Romenberg

Palmengarten1

Palmengarten

BCE di notte
Palmengarten2

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X